Una dimostrazione infrasettimanale ha visto la partecipazione del Volocopter europeo e dell’America’s Opener BlackFly. I due (tre in realtà, una coppia di BlackFly ha volato) hanno dimostrato la loro capacità di volo eVTOL. Non avrebbero potuto essere più diversi.

I miliardari stanno investendo, come chiamarli? …droni, multicotteri, eVTOL, UAS, UAV, velivoli Powered Lift, l’elenco potrebbe letteralmente continuare all’infinito. La mancanza di un nome generico ampiamente accettato è una delle numerose indicazioni che questi aerotaxi di domani sono ancora in un domani abbastanza lontano.

Due esperti del settore mi hanno espresso il loro giudizio dopo aver visto le dimostrazioni Volocopter e BlackFly. Entrambi hanno convenuto che il Volocopter si presentava meglio, eseguendo una vera dimostrazione del suo lancio verticale, quindi passando al volo in avanti, manovrando e quindi effettuando un atterraggio. Entrambi hanno anche affermato che il BlackFly era molto meno impressionante. “Hanno semplicemente oscillato e fluttuato in giro, senza fare alcuna manovra o passare al volo in avanti”, hanno concordato ciascuno. Entrambi volevano apprezzare ogni aereo, ma uno chiaramente vinceva nelle loro menti.

Questa storia non riguarda nessuno di questi veicoli di sviluppo, ma ecco due link per chi è interessato al Volocopter o al BlackFly.

Cosa funziona oggi?
Parte elettrica 103

Nella foto principale (come si vede sui social media e sulla nostra homepage), insinuo che siamo in una generazione 3 di aerei elettrici. Ammetto che è del tutto arbitrario. L’intero campo è ancora troppo fluido per assegnare generazioni del calibro di, ma lascia che ti spieghi la mia scelta di parole.

Ricordo quando Randall Fishman fece alcuni dei primi voli pubblici (ad AirVenture e Sun ‘n Fun 2007). Il suo triciclo elettrico si è comportato abbastanza bene e ha mostrato un pensiero intelligente. Randall passò a progetti elettrici più sofisticati, ma era troppo avanti rispetto al mercato. Sto chiamando questo e altri esperimenti simili del loro tempo Generazione 1. Sono i pionieri dei giorni nostri.

Poi è arrivata una profusione di voci più sofisticate da tutto il mondo. Abbiamo ali fisse, trike e persino autogiri che utilizzavano la batteria per volare. Alcuni di questi sono diventati più elaborati. Ho anche riferito di un vero C42 elettrico ibrido dalla Germania. Io chiamo la somma di tutti questi sviluppi Generazione 2. Questi progetti rappresentano progressi nello stato dell’arte della propulsione elettrica.

Ad AirVenture 2021, ho visto due esempi di ciò che chiamerò Generazione 3 disegni. Questi sono progetti elettrici a batteria ma utilizzano l’elettricità in modi diversi o utilizzano approcci non convenzionali.

Fusion eNano — All’inizio della settimana, ho scritto del Fusion Nano visto nell’area ultraleggera. Questo prodotto è in vendita e attualmente utilizza un motore italiano a due tempi leggero e con un numero di giri più elevato (sebbene il produttore del motore possa cambiare). Nano è un autogiro conforme alla Parte 103 con un prezzo modesto.

All’altra estremità del campo c’è un progetto elettrico basato su questa piattaforma. È chiaramente una fase iniziale, ma sembra un concetto interessante che impiega ventole a doppia canalizzazione per la spinta. Dal momento che non è fatto, non vale la pena speculare su come volerà o quale potrebbe essere la sua portata. Non sono i primi a provare i ventilatori a doppia canalizzazione. Questo progetto Airbus chiamato E-Fan aveva un aspetto simile.

Tuttavia, un Fusion eNano come parte legittima 103, è utilizzabile come aereo a propulsione elettrica a batteria. Spero che lo vedremo volare in un altro AirVenture, ma non tratterrò nemmeno il respiro. Tanti di questi progetti elettrici sembrano non reggere, anche quelli finanziati da miliardari per molte decine di milioni di dollari. Spero che questo duri; è intrigante.

Merlino Lite — Guardi le immagini di Merlin Lite e ha chiaramente un motore a benzina davanti (un Polini), quindi perché lo includo in un articolo elettrico? Perché ha un “assistente elettrico” molto innovativo, lo chiamerò. Sviluppare Chip Erwin lo chiama DEP-OD, nomenclatura di tipo militare per la propulsione elettrica distribuita – On Demand. Questi piccoli motori ad ala, usati brevemente per migliorare una fase di volo, necessitano solo di una batteria che puoi tenere in mano perché non sono potenza di spinta primaria (anche se aggiungono una buona misura al totale).

Ho un video in lavorazione in cui Chip lo spiegherà in modo più completo e parlerà dei suoi meriti.

Qui noterò che l’accelerazione del flusso d’aria sugli alettoni è molto utile per il volo a bassa velocità e non è un’idea nuova. Potresti aver visto le foto di un Tecnam Twin modificato con più piccoli motori elettrici allineati lungo tutto il bordo d’attacco. L’idea è di accelerare il flusso d’aria sull’intera ala in modo che questo velivolo possa eseguire prodezze che un Twin convenzionale non potrebbe.

Spingendo l’aria attraverso gli alettoni, Merlin Lite con questi piccoli motori sepolti nelle ali potrebbe mantenere il controllo fino a velocità quasi zero. Il piccolo motore montato sull’ala accelera anche l’aria sopra l’ala, rendendo i decolli molto, molto brevi. “Potrebbe ridurre il rollio di decollo di tre volte”, suggerì Chip.

Quindi Merlin non usa l’energia elettrica per la spinta principale ma fa un uso efficace della propulsione elettrica.

Come nota a margine, Merlin Lite sarà sicuramente offerto con batteria elettrica per la spinta primaria. Combina le unità di spinta interne dell’ala (e possibilmente la coda) con l’alimentazione principale e potresti avere un ultraleggero con un massimo di sei motori, ha affermato Chip. Suona molto? Forse, ma Volocopter ha 18 motori.

L’elettrico ha un futuro, ne sono sicuro, ma ha anche un presente ed è oggi negli ultraleggeri di tipo Part 103. Cercherò di tenere il passo con quei molti di voi incuriositi dall’elettrico.

Qualunque siano le tempistiche del prodotto, queste macchine hanno un grande appeal.


Ora qualcosa principalmente per divertimento…

Importatore Jabiru ed esperto di lunga data del settore Scott Severen ha dimostrato una tecnica di vendita rara ma efficace. Il suo Jabiru J230-D ha una cabina di poppa cavernosa. È così grande perché in Australia, la stessa cellula può essere trasformata in un quattro posti. *** Scott è entrato nella cabina di poppa attraverso la terza porta di Jabiru per rispondere alla domanda di una coppia che stava controllando un aereo in vendita. *** Sembra che la sua espressione sia di approvazione …”Guarda tutta quella stanza laggiù!” La corporatura slanciata e l’altezza alta di Scott sembravano adattarsi facilmente ed è entrato con facilità. (Canguro non incluso.)