Alaska Airlines sta accelerando la transizione verso una flotta interamente Boeing con nuovi piani per il ritiro anticipato dell’Airbus A321neo ereditato da Virgin America. E con notizie inaspettate, il vettore con sede a Seattle ritirerà anche i De Havilland Dash 8-400 a favore di una flotta regionale interamente Embraer E175.

L’Alaska gestirà una flotta di 323 737 ed E175 entro la fine del 2023 e prevede di crescere fino a 400 aeromobili entro la metà del decennio. La compagnia aerea ha affermato che la semplificazione della flotta aiuterà a ridurre i costi e a semplificare la manutenzione. “Più velocemente potremmo arrivare a una singola flotta, meglio è”, ha detto il Chief Financial Officer Shane Tackett all’inizio di questo mese. Ha aggiunto che una flotta semplificata potrebbe aiutare a realizzare risparmi sui costi annuali di 50-70 milioni di dollari.

“Una flotta è molto più semplice da usare di due flotte”, ha affermato. Il vettore trarrà vantaggio anche dalla semplicità del personale, senza la necessità di equipaggi Airbus di riserva.

L’Alaska ha da tempo chiarito di voler sbarazzarsi dei 71 aeromobili Airbus che ha guadagnato con l’acquisizione nel 2016 di Virgin America. Ha rimosso i 31 A319 e A320 durante la pandemia e li ha sostituiti con i nuovi Boeing 737-9 che hanno iniziato ad arrivare lo scorso gennaio. La compagnia aerea restituirà i restanti 30 A320 ereditati da Virgin America al più tardi entro l’inizio del 2023. L’Alaska ha finalmente annullato il suo ordine di lunga data per 30 A320neo alla fine dell’anno scorso.

Il destino dei 10 A321neo è stato a lungo poco chiaro. Per un certo periodo, l’Alaska ha affermato di aver apprezzato la portata e la capacità dell’A321 per alcune missioni, ad esempio sui voli tra la costa occidentale e gli aeroporti con limiti di slot come il Washington National. Ma di recente ha cambiato rotta. “Non sarei sorpreso se trovassimo una casa per loro [A321s] prima della scadenza del contratto di locazione”, ha detto Tackett all’inizio di marzo.

L’Alaska ha trovato, o è fiduciosa che troverà, una casa per i jet che hanno noleggi fino al 2030. Con l’annuncio del 24 marzo, il vettore ha segnalato che restituirà l’aereo ai noleggiatori fino a sette anni prima. “L’A321 è un grande aeroplano”, ha dichiarato Nathaniel Pieper, vicepresidente senior della flotta e delle alleanze, il 24 marzo. “Ci sarà un mercato abbastanza buono per questo”.

I locatori hanno segnalato una forte domanda di aeromobili, in particolare l’A321neo che è emerso di fatto come sostituto del Boeing 757. I dirigenti di Airbus hanno recentemente affermato che il loro arretrato si estende per 10 anni limitando la disponibilità di jet popolari come l’A321neo a breve termine.

Le consegne di nuovi Max in Alaska compenseranno i ritiri. In effetti, Tackett ha affermato che il vettore sta migliorando nettamente la sua flotta, in particolare con il 737-10 da 189 posti che ha solo un posto in meno rispetto agli A321neo. La flotta A320 da 150 posti sarà per lo più sostituita con 737-9 da 178 posti.

I cambiamenti della flotta regionale seguono la stessa strategia che l’Alaska sta perseguendo per la sua operazione principale: “semplicità”, ha affermato Pieper. La sua filiale Horizon Air ritirerà i suoi ultimi 32 Dash 8 nel 2023 con l’aereo sostituito da 20 nuovi E175. L’Alaska non ha specificato se Horizon o l’affiliata SkyWest Airlines opereranno i nuovi jet.

Le modifiche alla flotta dell’Alaska non si limitano agli aerei passeggeri. La compagnia aerea sta aggiungendo due Boeing 737-800 convertiti, ampliando la sua flotta cargo a cinque aeromobili.

La compagnia aerea prevede di aumentare la capacità dell’1-3% quest’anno rispetto al 2019, la fascia bassa della sua guida di gennaio. Ma andando avanti, l’Alaska crescerà organicamente del 4-8% all’anno fino al 2025 anche con i cambiamenti della sua flotta. La maggior parte di tale crescita, circa il 70 percento, riguarderà i mercati di origine del Pacifico nord-occidentale, con l’equilibrio che toccherà la California.

Segnalazione aggiuntiva di Edward Russell.

La storia è stata aggiornata per rimuovere un riferimento a BOC Aviation come locatore degli A321neo dell’Alaska.