San Giavellottoun’impresa sociale che raccoglie fondi per lo sforzo bellico dell’Ucraina, ha ospitato un’asta d’arte per aiutare ad acquistare droni per l’esercito ucraino.

L’asta si è tenuta dal 28 luglio al 3 agosto, in collaborazione con la campagna Unite With Ukraine del Congresso mondiale ucraino e il programma United24 “Army of Drones” del governo ucraino.

In vendita c’erano 75 stampe numerate e firmate di un’opera d’arte intitolata “Nostra Signora di Mariupol”, creata dall’illustratore di libri e artista concettuale ucraino Maksym Palenko.

Mentre 74 delle stampe erano quotate per $ 1.500, alla fine dell’asta è stato annunciato che una copia unica in edizione limitata è stata venduta all’asta per un inaspettato $ 22.000.

Cosa raffigura “Nostra Signora di Mariupol”?

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Saint Javelin (@saintjavelin)

L’opera d’arte di grande impatto visivo raffigura la figura della signora di Mariupol che allunga le braccia per coprire i difensori della pianta Azovstal dai bombardamenti e dalla distruzione.

La sua tonaca mostra la struttura interna delle catacombe dell’Azovstal che divenne un rifugio temporaneo per combattenti e civili ucraini.

Mariupol, città nella regione di Pryazovia in Ucraina, fu assediata dalle forze russe e in gran parte distrutta. Il 16 maggio 2022, le ultime truppe ucraine rimaste nell’acciaieria Azovstal si sono arrese quando la Russia si è assicurata il controllo completo della città.

“Nostra Signora di Mariupol non è solo un’opera d’arte, ma un simbolo di speranza e resistenza”, afferma Christian Borys, fondatore di Saint Javelin. “Con ogni vendita che facciamo, ci stiamo avvicinando sempre di più a consentire al popolo ucraino di riprendere i cieli e sfidare l’oppressione russa con l’unica cosa che comprende: la forza”.

Un adesivo raffigurante un santo con in mano un giavellotto, un sistema missilistico anticarro portatile di fabbricazione americanaFoto di Rodrigo Abd/AP

In che modo Saint Javelin ha raccolto oltre $ 1,2 milioni per l’Ucraina?

Borys, un commerciante ucraino-canadese ed ex giornalista, ha avviato Saint Javelin il 16 febbraio, pochi giorni prima che Vladimir Putin lanciasse l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia.

L’idea alla base dell’organizzazione è partita da un meme popolare noto come Saint Javelin, raffigurante la figura religiosa Maria Maddalena con in mano un missile anticarro FGM-148 Javelin.

È diventato rapidamente un potente simbolo della resistenza ucraina e ha incoraggiato Borys a iniziare a stampare l’immagine su magliette e adesivi per aiutare a raccogliere fondi per il paese.

“Ho iniziato questa cosa per avere una sorta di piccolo impatto. Non avevo mai pensato che sarebbe diventato quello che è”, ha detto a Euronews Culture.

“Onestamente, pensavo di vendere circa 100 adesivi ai miei amici e raccogliere circa $ 500. Ma è decollato come un matto fin dall’inizio.”

Borys ha ricevuto ordini per un valore di C $ 45.000 (circa € 34.000) il 24 febbraio, il giorno in cui la Russia ha invaso, e questa cifra è presto salita a C $ 170.000 (circa € 129.000) entro 24 ore.

All’inizio di agosto, l’impresa Saint Javelin ha raccolto oltre 1,2 milioni di dollari (circa 1,1 milioni di euro) per l’Ucraina.

“Il nostro mantra è: siamo in affari per ricostruire l’Ucraina. Quindi, realizzando magliette, adesivi, cappelli, tutto quel genere di cose, possiamo riportare il massimo vantaggio economico in Ucraina realizzando quelle cose in Ucraina, e quindi utilizzare i nostri profitti per supportare effettivamente diverse organizzazioni in tutta l’Ucraina”, afferma Borys.

Lui e la sua organizzazione non hanno intenzione di interrompere la raccolta fondi a breve.

“Vogliamo diventare un marchio ‘Made in Ukraine’ che attiri un pubblico occidentale. Vogliamo restare e continuare così, perché il processo di ricostruzione richiederà decenni”.