Il mandato federale della maschera sui voli potrebbe finire presto, ma ciò non eliminerà la minaccia che i passeggeri indisciplinati interrompano i voli, avverte il capo del più grande sindacato degli assistenti di volo degli Stati Uniti.

“Non vedo i due come correlati”, ha detto Sara Nelson, presidente dell’Associazione degli assistenti di volo (AFA). “Chiaramente abbiamo avuto conflitti sulle maschere, ma la questione della violenza a bordo è un problema più grande: si tratta di non voler seguire le regole”.

Nelson e l’AFA stanno mettendo il loro peso dietro un nuovo disegno di legge presentato dai rappresentanti Eric Swalwell (D-Calif.), Brian Fitzpatrick (R-Penn.) e dal senatore Jack Reed (DR.I.) che inasprirebbe le sanzioni per comportamento dirompente a bordo degli aerei. “Purtroppo, troppi dei nostri piloti, assistenti di volo e membri dell’equipaggio stanno affrontando abusi inaccettabili da parte dei passeggeri, da calci, sputi a morsi”, ha detto Swalwell introducendo il conto. “Questo comportamento non è solo inappropriato, ma mette a rischio anche altri membri dell’equipaggio e passeggeri”.

Il disegno di legge creerebbe un elenco nazionale di passeggeri a cui è stato impedito di volare a causa di comportamenti di disturbo. Questo sarebbe separato dall’elenco “no-fly” del Federal Bureau of Investigation (FBI) di sospetti terroristi o criminali. Invece, l’elenco sarebbe gestito dalla Transportation Security Administration (TSA) e consentirebbe un risarcimento per i passeggeri che pensano di essere stati inclusi per errore.

Attualmente, spetta a ciascuna compagnia aerea determinare se un passeggero debba essere bandito, senza che nulla impedisca a un passeggero di una compagnia aerea di acquistare un biglietto su un’altra.

Nelson ha definito questa disposizione importante, ma ha riconosciuto che potrebbe sollevare preoccupazioni sulla libertà civile, in particolare in un settore già alle prese con reazioni altamente politicizzate per mascherare mandati e altre misure di mitigazione del Covid. “Le singole compagnie aeree ora possono bandire le persone, ma non c’è trasparenza e le informazioni di una compagnia aerea non possono essere condivise con altre compagnie aeree”, ha detto a Airline Weekly.

Gli equipaggi di volo hanno riportato quasi 6.000 incidenti con passeggeri indisciplinati l’anno scorso, più dei 30 anni precedenti messi insieme. Il mancato rispetto del mandato federale della maschera – un mandato profondamente polarizzante negli Stati Uniti – ha provocato diversi litigi, ma non è stato l’unico fattore. L’alcol è un altro, ha detto Nelson.

Sebbene le regole limitino il numero di bevande che un ristorante o un bar dell’aeroporto può servire, le regole non vengono applicate rigorosamente. Inoltre, durante la pandemia, le concessioni aeroportuali hanno spesso incoraggiato la vendita di alcolici, nonostante le regole vietassero ai passeggeri di bere alcolici portati a bordo. “Ci deve essere una migliore applicazione delle regole sull’alcol”, ha detto Nelson. “Ci deve anche essere un giro di vite sui concessionari che stanno spingendo l’alcol a perdere”.

Ma l’applicazione delle regole è un problema più intrattabile. Gli aeroporti sono in genere sorvegliati dalle forze dell’ordine locali. L’aereo stesso è giurisdizione del governo federale. Nelson ha affermato che è necessario un migliore coordinamento tra le forze dell’ordine per prevenire la vendita eccessiva di alcol e per arrestare i passeggeri fastidiosi dopo l’atterraggio.

Il disegno di legge Swalwell-Reed affronta ciò centralizzando i trasgressori in un elenco, ha affermato Nelson. “Questo invia un messaggio che ci sono conseguenze per un cattivo comportamento”, ha detto. “Volare è un privilegio, non un diritto”.

Momento del lavoro

Nelson ha notato che il movimento operaio ora sta vivendo un “momento”, con diversi sforzi organizzativi di alto profilo e di successo nei magazzini Amazon e nei negozi Starbucks. L’AFA punta a cogliere l’attimo per diffondere il vangelo della sindacalizzazione in tutti i settori, ma anche nelle compagnie aeree non organizzate.

“C’è un’incredibile energia e slancio tra gli assistenti di volo Delta”, ha detto Nelson. “Siamo sulla buona strada per archiviare [for unionization] quest’anno.”

Storicamente Delta ha evitato di organizzare le unità. La forza lavoro ha deciso di non organizzarsi dopo che Delta ha assorbito il gruppo di lavoro degli assistenti di volo della Northwest Airlines nel 2009. Ma AFA spera di cambiarlo.

L’AFA ha trovato un pubblico ricettivo tra i membri più giovani della forza lavoro di 24.000 assistenti di volo di Delta, ha affermato Nelson. “I lavoratori più giovani stanno assumendo il comando e i lavoratori più anziani sono entusiasti di ciò che stanno vedendo”. ‘

Nell’economia più ampia, il percorso verso la sindacalizzazione è ripido. Nonostante i recenti successi, i numeri rimangono piccoli. “Le persone hanno vinto a migliaia, ma ci sono decine di milioni di lavoratori nel paese”, ha detto Nelson. C’è un risveglio della solidarietà e del potere che genera, ma abbiamo un lavoro da fare per aiutare le decine di milioni di persone che vogliono unirsi ai sindacati”.