QuizVDS Blog

Avianca abbraccia il modello di compagnia aerea a basso costo in affare per Viva Air

Avianca abbraccia il modello di compagnia aerea a basso costo in affare per Viva Air

Avianca, con sede in Colombia, ha adottato un modello a basso costo come parte della sua riorganizzazione fallimentare del Capitolo 11 negli Stati Uniti e ora ha in programma di acquisire la concorrente di bilancio Viva Air.

I termini finanziari dell’accordo annunciato il 29 aprile non sono stati rilasciati, ma Viva Air, che ha operazioni in Colombia e Perù, entrerebbe a far parte del gruppo Avianca appena ricostituito.

Le due compagnie aeree continueranno ad operare separatamente con i propri marchi, almeno per il momento. La combinazione completa richiederebbe l’approvazione normativa sia in Colombia che in Perù. Inoltre, il socio fondatore di Viva e presidente esecutivo Declan Ryan entrerebbe a far parte del consiglio di Avianca.

“Questo nuovo e solido gruppo di compagnie aeree andrà a vantaggio dei clienti utilizzando una struttura dei costi più efficiente per offrire tariffe più basse, una rete di rotte che offre collegamenti diretti tra le destinazioni, un forte programma fedeltà”, ha affermato Roberto Kriete, principale azionista e presidente del consiglio di Avianca, in una dichiarazione.

L’America Latina si è dimostrata uno dei mercati delle compagnie aeree più dinamici mentre il settore si riprende dalla crisi del Covid-19. Tre delle più grandi compagnie aeree della regione – Aeromexico, Avianca e Latam Airlines Group – si sono o stanno riorganizzando ai sensi del Capitolo 11 negli Stati Uniti e i vettori economici sono in ascesa. Volaris ha utilizzato la ristrutturazione di Aeromexico per consolidare la sua leadership di mercato in Messico; e sia JetSmart che Viva hanno utilizzato le rispettive riorganizzazioni di Avianca e Latam per espandersi in Argentina, Cile, Colombia e Perù.

E in Brasile, il mercato più grande del Sud America, Azul ha tentato un’acquisizione ostile di Latam con il sostegno di alcuni dei maggiori creditori della compagnia aerea cilena. Inoltre, Gol ha acquisito una compagnia aerea regionale per aggiungere voli e aumentare la sua quota nel ricercato ma limitato aeroporto di San Paolo Congonhas.

Mentre l’acquisizione di Viva da parte di Avianca è una sorpresa, il fatto che stia partecipando al consolidamento del mercato aeronautico latinoamericano non lo è. “Crediamo nel consolidamento come una cosa positiva per l’industria in tutta la regione? Lo facciamo”, ha detto il CEO di Avianca Adrian Neuhauser a Airline Weekly in ottobre.

All’epoca si parlava di una possibile combinazione tra Avianca e la cilena Sky Airline. L’accordo, spinto da due dei creditori di Avianca, Caoba Capital ed Elliot Investment Management, non è andato a buon fine.

Una fusione di Avianca e Viva ha un senso. Il primo è emerso dal Capitolo 11 dopo aver ridotto le spese e con un piano aziendale che prevedeva posti a sedere più densi sui suoi aerei e più rotte point-to-point aggirando il suo hub di Bogotá e aumentando l’utilizzo della sua flotta, tutti segni distintivi di discount come Viva. Avianca iniziò persino ad aggiungere voli in concorrenza con Viva nel nuovo hub di Medellin di quest’ultimo.

Avianca e Viva insieme avrebbero una quota del 67% della capacità nazionale colombiana, ma solo l’11% della capacità sudamericana, ad aprile, secondo i programmi di Cirium. Il loro prossimo più grande concorrente, Latam, ha una quota del 26%. Avianca ha chiuso la sua filiale peruviana nel 2020, quindi Viva sarebbe una sorta di ritorno per la compagnia aerea sul mercato che è tra i in più rapida crescita in Sud America.

Exit mobile version