QuizVDS Blog

Azul guarda oltre la pandemia aspettandosi il suo anno migliore di sempre

Azul guarda oltre la pandemia aspettandosi il suo anno migliore di sempre

La pandemia è finita per Azul. La compagnia aerea brasiliana è una delle prime al mondo ad annunciare l’arrivo della nuova normalità per i viaggi e sembra molto brillante.

“Stiamo assistendo a un nuovo e più ampio modello di domanda”, ha affermato il CEO di Azul John Rodgerson durante la chiamata sugli utili del primo trimestre della compagnia aerea il 9 maggio. L’era del cliché della pandemia, la “domanda repressa”, è dietro Azul, ha aggiunto.

I numeri della compagnia aerea mostrano quel nuovo livello di domanda. I ricavi di 3,2 miliardi di reais brasiliani (625 milioni di dollari) nel primo trimestre sono stati superiori del 26% rispetto a tre anni fa, anche con un successo della variante Omicron a gennaio e febbraio. Il traffico passeggeri è aumentato del 15%. E Azul ha realizzato un utile netto di 2,7 miliardi di reais brasiliani, sebbene abbia registrato una perdita netta rettificata di 808 milioni di reais brasiliani, inclusi i risultati su cambi e derivati ​​non realizzati.

Ma i risultati di Azul hanno alcuni avvertimenti. La compagnia aerea è quasi interamente un vettore nazionale in Brasile – l’89% della sua capacità di passeggeri nel primo trimestre – in una ripresa che ha favorito le compagnie aeree nazionali. Il suo mercato interno non ha mai visto lo stesso livello di rigide restrizioni sui viaggi nazionali che hanno visto altri mercati, come l’Australia e all’interno dell’UE. Inoltre, gli intasamenti nelle catene di approvvigionamento globali e il rapido aumento dei prezzi delle materie prime dall’invasione russa dell’Ucraina a febbraio a febbraio sono stati un vantaggio per l’economia brasiliana guidata dalle materie prime, comprese le sue compagnie aeree.

“Il Brasile è un’enorme economia delle materie prime e molte di queste materie prime hanno prezzi record”, ha affermato il fondatore della compagnia aerea David Neeleman. “Azul ha una presenza significativa in tutte queste aree merceologiche del Brasile, dove i produttori si stanno espandendo rapidamente per soddisfare la domanda mondiale”.

Se c’è una compagnia aerea posizionata in modo univoco per sfruttare l’attuale ambiente globale e volare in testa al gruppo, questa è Azul.

La forte performance dei ricavi della compagnia aerea è in gran parte dovuta alla mappa delle rotte restaurata di Azul che serve ampiamente gran parte dell’interno del Brasile piuttosto che concentrarsi sul triangolo di San Paolo, Rio de Janeiro e Brasilia, ha scritto l’analista di Raymond James Savanthi Syth in una nota agli investitori a maggio 9.

Azul volerà oltre il 30 percento della sua capacità passeggeri al di fuori delle tre città più grandi del Brasile nel secondo trimestre, secondo gli orari di Cirium. Il numero è poco meno dell’8% a Gol e solo il 4% della capacità nazionale brasiliana del Latam Airlines Group.

“Il Midwest del Brasile è il paese di Azul”, ha detto Rodgerson. I dirigenti hanno affermato che i viaggi aziendali nei settori del petrolio, del gas e dell’agro-business si sono completamente ripresi – aree a vantaggio di Azul – mentre la ripresa dei viaggi del governo e delle finanze è rimasta indietro. I viaggi finanziari e governativi sono concentrati nelle tre città più grandi del Brasile.

Anche la logistica e gli altri segmenti di Azul, tra cui il suo business per le vacanze e il programma fedeltà, stanno andando bene. Il carico e altri ricavi sono più che triplicati a 350 milioni di reais brasiliani nel primo trimestre rispetto a tre anni fa. La compagnia aerea continua a puntare a un ruolo notevolmente ampliato nel segmento logistico del paese, che includeva l’introduzione del suo primo cargo Embraer E195 dedicato a febbraio.

Azul sembra essere pronto a fare un giro con la sua ritrovata forza. La partnership del vettore con United Airlines scade a giugno e i due devono ancora raggiungere un accordo sull’estensione del patto. “Sono stati un nostro grande partner e stiamo parlando con loro del potenziale per un’estensione [but] tipo di tenerlo aperto”, ha detto Rodgerson. Lo United possiede l’8% di Azul e da diversi anni i due hanno discusso di una potenziale joint venture tra Stati Uniti e Brasile.

Tuttavia, in termini di tentativo di conquistare Latam, Azul si è ritirato mentre il suo concorrente più grande si fa strada attraverso il processo di riorganizzazione del Capitolo 11. I dirigenti hanno affermato che la compagnia aerea “rispetta” il processo di Latam che, a questo punto, si concentra sulla creazione di un supporto ai creditori per la conferma del suo piano di ristrutturazione.

I costi unitari, escluso il carburante, ad Azul sono aumentati di quasi il 18% rispetto al 2019 nel primo trimestre. Tuttavia, i dirigenti hanno indicato i dati che mostrano che la metrica è aumentata solo dell’1% nel periodo escludendo le spese di carico e l’impatto dei cambi. Le spese medie per il carburante ad Azul sono aumentate del 57% trimestre su trimestre a 4,25 reais al litro.

Con la pandemia nello specchietto retrovisore, Azul è rialzista sulle sue prospettive. La compagnia aerea prevede guadagni prima di interessi, tasse, ammortamenti e ammortamenti (EBITDA) di circa 4 miliardi di reais brasiliani quest’anno, che sarebbe un aumento del 10% rispetto al 2019 e il suo miglior risultato in assoluto. Anche la capacità dei passeggeri aumenterà del 10% e i ricavi unitari fino al 20%. La previsione migliora solo nel 2023, quando l’EBITDA dovrebbe raggiungere circa 5,5 miliardi di reais brasiliani.

Exit mobile version