L’aeroporto di Gatwick è stato bloccato da droni canaglia che sorvolavano la sua pista, con 120.000 persone coinvolte nell’incidente.

I passeggeri hanno visto voli in ritardo e in molti casi completamente cancellati poiché l’aeroporto è rimasto chiuso per oltre un giorno.

Euronews scopre quali sono i tuoi diritti se sei stato colpito dalla chiusura?

Regolamento UE 261/2004

Questa normativa si applica ai passeggeri:

  • In partenza da un aeroporto situato in uno stato membro dell’UE;
  • Arrivare in un aeroporto di uno stato membro da un paese al di fuori dell’UE, ma utilizzando un vettore dell’UE;
  • Il cui volo è stato ritardato di oltre due ore o cancellato.

Questo regolamento nel diritto dell’UE stabilisce regole comuni in materia di compensazione e assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, cancellazione del volo o lunghi ritardi dei voli.

Le compagnie aeree devono fornire ristoro e alloggio ove appropriato.

Richiede un risarcimento da € 250 a € 600 a seconda della distanza del volo per ritardi superiori a due ore, cancellazioni o negato imbarco per overbooking. Ritardi più brevi significano una percentuale dell’intero compenso.

Tuttavia, in questo caso, il risarcimento solitamente pagato se i ritardi sono imputabili alla compagnia aerea non si applicherà in quanto questa è considerata una “circostanza straordinaria” al di fuori del controllo di qualsiasi compagnia aerea, secondo l’Autorità per l’aviazione civile (CAA).

Maggiori informazioni per i passeggeri interessati dall’interruzione della CAA del Regno Unito sono disponibili qui.

Cibo e alloggio

Ai sensi del Regolamento UE 261/2004, le compagnie aeree devono fornire ai passeggeri in ritardo cibo e bevande adeguati all’ora del giorno e un mezzo di comunicazione o il rimborso del costo delle chiamate essenziali.

Se i ritardi durano una notte, l’alloggio e il trasporto per raggiungerlo o per tornare a casa devono essere forniti dalla compagnia aerea. Nei casi in cui il personale non è in grado di effettuare le prenotazioni, i passeggeri devono provvedere autonomamente e richiedere il rimborso. Tuttavia, sono necessarie ricevute per questo ed è improbabile che le aziende rimborsino soggiorni in hotel di lusso in cui erano disponibili altre opzioni.

Cancellazioni

Per i voli che sono stati cancellati a titolo definitivo, i passeggeri hanno diritto al rimborso del costo del volo o alla riprenotazione su un altro.

Nonostante si tratti di una circostanza straordinaria, è responsabilità della compagnia aerea portare a destinazione chiunque abbia un biglietto, a meno che il passeggero non accetti invece un rimborso.

Per le cancellazioni dell’ultimo minuto di voli con compagnie aeree dell’UE o da aeroporti dell’UE, le compagnie aeree devono fornire il pernottamento, se necessario, nonché cibo e bevande: i dettagli sulle condizioni e il risarcimento possono essere trovati sul sito web della CAA.

Il dovere di diligenza di una compagnia aerea termina quando un passeggero accetta il rimborso del biglietto.

Voli in ritardo

I passeggeri con biglietti per voli che dovrebbero partire in ritardo dovranno inizialmente aspettare piuttosto che essere imbarcati su un volo alternativo.

Quando i ritardi si estendono per più di cinque ore, i diritti dei passeggeri diventano simili a quelli per i voli cancellati: un rimborso o un volo alternativo.