Non c’è niente da fare: tutto ciò che compriamo è più costoso di un anno fa.

I prezzi sono in aumento. Questo è vero per il burro di arachidi tanto quanto lo è per avgas. Anche le persone che sono passate ai propulsori diesel in modo da poter trarre vantaggio dal Jet-A più prontamente disponibile e dal prezzo stabile stanno sentendo il colpo.

L’inflazione non è più solo per pneumatici e galleggianti per piscine.

Per fortuna, sono vecchio. Non vecchio come le colline, ma più vecchio della maggior parte delle persone viventi.

Vedi, io sono un viaggiatore del tempo. Sono venuto su questo pianeta durante l’amministrazione Eisenhower e ho assistito personalmente o vissuto le grandi celebrazioni e le tragedie degli ultimi decenni.

La storia recente non è un’area teorica di studio per me. Ho visto con i miei occhi un’epoca in cui la benzina costava 35 centesimi al gallone, quando una pagnotta costava un quarto, quando una famiglia borghese di quattro o cinque persone possedeva una sola macchina, e quando quelle famiglie vivevano in case che avevano solo un bagno.

Quando ho iniziato a pensare all’acquisto di una casa, i tassi ipotecari erano nel campo di quello che oggi consideriamo normale per le carte di credito. Il salario minimo era di $ 2,30 l’ora. I computer costavano enormi quantità di denaro ed erano scarsi nella migliore delle ipotesi, anche in ambienti industriali e d’ufficio, e se suggerivi al tuo capo che avresti lavorato da casa, quell’espressione equivaleva essenzialmente a dire: “Ho smesso”.

Internet non era ancora stato inventato.

I tempi cambiano. La tecnologia ha trasformato le nostre vite per includere attività e informazioni difficilmente immaginabili in passato.

Questo è solo il modo in cui funziona la vita. La civiltà prospera, poi lotta, poi prospera di nuovo, con un crollo totale occasionale gettato dentro così ragazzi come Irwin Allen e Roland Emmerich hanno qualcosa su cui basare i loro film.

Il nostro problema attuale è condiviso in tutti gli spettri della vita americana. L’inflazione economica ci sta colpendo duramente, mordendoci nel sedere e rendendo quasi impossibile per molti appassionati di aviazione generale solcare i cieli con la frequenza e la durata che potrebbero piacerci.

Coraggio, caro lettore. C’è speranza.

È probabile che tu non conosca personalmente Jerome Powell. Il capo della Fed non è nemmeno elencato nella mia lista dei contatti. Ma non importa. Anche se fossimo stati amici per tutta la vita profondamente stimati, è improbabile che Jerome cambierebbe la politica federale in base al mio input. Né dovrebbe.

Non sono un economista. Ci vogliono anni di studio per sviluppare le capacità che consentono a qualcuno di sbagliare così tanto spesso.

No, sono solo un pilota, un meccanico e uno scrittore. Rimarrò nella mia corsia. Ti consiglio di fare lo stesso.

Ed è lì che si trova la nostra salvezza. Perché mentre tu e io non possiamo influenzare positivamente la politica economica globale o addirittura nazionale, possiamo adottare misure che avranno un profondo impatto sul nostro conto bancario.

Potresti trovare questo suggerimento condiscendente o poco pratico, ma ti assicuro che non lo è nessuno dei due.

Ecco la mia soluzione per combattere l’inflazione, l’aumento dei prezzi del carburante e lo stress economico generale: trova un secondo lavoro.

Anche se ho passato una vita a creare l’immagine pubblica di un tizio che è molto freddo, a malapena motivato e trascorre gran parte del suo tempo libero sdraiato a non fare nulla, la verità è l’esatto opposto. Per tutta la vita ho avuto un lavoro a tempo pieno mentre trasportavo un carico di studenti a tempo pieno, o due lavori a tempo pieno, o un lavoro a tempo pieno e almeno un lavoro part-time. Sempre. Non scherzo.

In tutta la mia vita adulta, non mi sono mai trovato, nemmeno per un solo giorno, con un solo lavoro. Di conseguenza, anche quando i tempi erano difficili, avevo qualcosa da fare che volevo davvero fare e qualche dollaro in più in arrivo che poteva aiutarmi a superare i giorni difficili.

Anche adesso, ho un lavoro a tempo pieno che amo. È dispendioso in termini di tempo, richiede uno sforzo significativo e funziona regolarmente ben oltre i limiti tradizionali di una giornata lavorativa dalle 9 alle 5. Scrivo anche per una piccola selezione di pubblicazioni, in particolare Notizie sull’aviazione generale, dove ho scritto la rubrica Politica per i piloti per più di 12 anni. In tutto questo tempo non ho mancato una sola scadenza o preso una settimana di ferie. Gestisco anche una piccola scuderia di immobili in affitto e gestisco un canale YouTube alle prime armi.

Non sono annoiato.

A mio avviso, quello sforzo in più non è un sacrificio. È un’opportunità.

Una volta ho lavorato per il salario minimo. Infatti, essendo cresciuto con un’azienda agricola di famiglia da gestire, ho lavorato per anni per un salario ben al di sotto del minimo. Era un peso, lo ammetto subito. Ma quando ho capito che il contrappunto al salario minimo non esisteva, tutta la mia vita è cambiata.

Non esiste un salario massimo. Non c’è limite alla quantità di impegno che puoi dedicare al tuo lavoro, alla tua istruzione o alle tue relazioni. Io e te possiamo essere ciò che vogliamo essere e fare ciò che vogliamo fare. Gli unici veri limiti che abbiamo sono autoimposti.

Sia che tu stia appena iniziando il tuo viaggio aeronautico o che tu sia impegnato da decenni come me, non mollare a causa di un dosso economico sulla strada. Contrattaccare. Prendi il tuo futuro nelle tue mani. Lavora un turno a settimana come addetto ai servizi di linea. Quel reddito pagherà un po’ di tempo di volo anche se ti presenta una lunga serie di persone che la pensano allo stesso modo che sarai felice di incontrare.

Fai la spesa, falcia prati, lava auto, svolgi lavori IT freelance, costruisci il capanno di un vicino: qualunque sia il tuo tempo e le tue abilità, fallo. Continua a farlo.

Nel corso del tempo, la mia esperienza suggerisce che diventerai progressivamente migliore, più sicuro e più fiducioso nelle tue capacità di superare qualsiasi cosa ti ostacoli.

Oppure… potresti semplicemente lamentarti dei prezzi elevati e smettere di fare le cose che ami perché è più facile smettere che correggere la situazione.

È la vostra scelta. Davvero, dipende interamente da te.

Buona fortuna, qualunque strada tu scelga.