QuizVDS Blog

Cosa puoi fare se c’è un passeggero ubriaco e disturbante sul tuo aereo?

Cosa puoi fare se c'è un passeggero ubriaco e disturbante sul tuo aereo?

In un recente sondaggio su Instagram, Euronews Travel ha chiesto ai lettori le peggiori esperienze dei passeggeri. Non sorprende che la maggior parte delle risposte riguardasse compagni di viaggio ubriachi.

Quindi qui poniamo la domanda, l’alcol dovrebbe essere vietato sui voli?

Nel 2017, l’International Air Transport Association (IATA) ha dichiarato che è finita 8.000 segnalazioni di incidenti indisciplinati era stato archiviato, con una media di un incidente ogni 1000 voli.

Potrebbe non sembrare molto, ma non tutte le compagnie aeree sono membri della IATA e, inutile dirlo, non tutti gli episodi di ubriachezza vengono archiviati.

In genere, le segnalazioni di incidenti indisciplinati vengono presentate quando un passeggero ha insultato fisicamente o sessualmente un membro dell’equipaggio o un altro passeggero, ha causato danni all’aeromobile o è stato sorpreso a fumare o bere alcolici.

Molti incidenti vengono gestiti a bordo o segnalati all’organo di governo locale della compagnia aerea. Purtroppo, molte di queste situazioni sono anche la norma per gli assistenti di volo e vengono ignorate come comportamento tipico di volo.

Il punto di vista di un assistente di volo sull’alcol

L’assistente di volo di Emirates Emma* (che ha chiesto di cambiare il suo nome) ha visto tutti i tipi di passeggeri nel corso degli anni.

Riguardo all’abuso di alcol, dice: “Questo è difficile perché non vogliamo impedire a nessuno di divertirsi, ma i passeggeri ubriachi e disordinati possono rappresentare un rischio per la salute e la sicurezza, il che i passeggeri ovviamente non ci pensano.”

Ricorda un volo da Londra a Dubai, poco prima del Gran Premio di Abu Dhabi. La Business Class dell’aereo era piena di possessori di biglietti dell’ospitalità e le cose si sono complicate, dice.

“La lounge di bordo era sovraffollata, si sono rifiutati di sedersi e il numero di persone che si sono ammalate verso la fine era semplicemente folle. Mi ha ricordato Fresher’s Week ea volte è stato davvero divertente.

“Ma mentre stavano tutti vivendo le loro vite migliori, abbiamo sostanzialmente perso il controllo della cabina a causa di quanto erano rumorosi e del loro rifiuto di seguire le nostre istruzioni. Se si fosse verificata una situazione di emergenza, non avremmo sentito nessun PA, non avremmo avuto un facile accesso alle apparecchiature di emergenza e sicuramente non saremmo stati in grado di muoverci rapidamente”.

Emma pensa che una situazione ideale sarebbe limitarla ai soli servizi di ristorazione e offrire un solo giro sui voli a corto raggio. “Non tutti sono un incubo quando viaggiano e capiamo che le persone si eccitano quando volano”, dice. “Ma ci sono molte persone che non sono buoni ubriachi, il che è sempre una situazione spaventosa a 40.000 piedi”.

Su un altro volo per Australia Emma ha dovuto smettere di servire un uomo che ne aveva avuto uno di troppo. “I suoi amici non hanno preso molto bene la notizia e hanno continuato a tormentarci per dargli un altro drink”, ricorda.

“Quindi ho elencato tutti i modi in cui essere ubriachi mette in pericolo tutti nell’aereo e come ci vogliono solo 90 secondi perché un aereo prenda fuoco e bruci nel nulla.

«Presero tutti un bicchiere d’acqua e tornarono ai loro posti. È stato molto soddisfacente”.

Il modo in cui le compagnie aeree pubblicizzano l’alcol fa la differenza, aggiunge. Emirates è nota per la sua lounge a bordo e per il servizio gratuito di alcolici di prima qualità, che secondo Emma incoraggi a bere. “Per questo motivo ignoriamo molti incidenti e comportamenti”.

Abbiamo tutti visto comportamenti da ubriachi nelle uscite serali e la maggior parte di noi ha un amico o un familiare che non dovrebbe bere. Queste caratteristiche non cambiano in quota.

La differenza è che non ci sono buttafuori per gestire la situazione e nessuna porta aperta per cacciare le persone. Anche gli assistenti di volo e gli altri passeggeri non hanno un posto dove scappare.

Ma è giusto mettere un divieto totale sull’alcol solo perché la minoranza non può maneggiare i propri alcolici?

Cosa dicono i passeggeri sul divieto di alcol

George Blackburn, 24 anni, ritiene che l’alcol dovrebbe essere servito: “Posso vedere entrambi i lati dell’argomento, ma alla fine penso che dovrebbe essere consentito, con le persone che si assumono la responsabilità delle proprie azioni”.

“È un ottimo modo per le compagnie aeree di guadagnare un po’ di soldi in più e aiuta a passare il tempo. A seconda della compagnia aerea con cui voli, sedersi su un aereo può essere lungo e noioso. Soprattutto quando non ci sono schermi TV. Bere qualche drink aiuta a spezzare il tempo, rende il volo un po’ più socievole e alla fine ti fa dormire bene”.

“Penso anche che sia un ottimo modo per iniziare la vacanza: siediti in fila con i tuoi amici, ordina qualche drink e pianifica la prossima settimana. Fa parte della vacanza».

Dall’altra parte del corridoio, la frequent flyer Jessica Horton, 33 anni, pensa che l’alcol non dovrebbe essere servito. “Onestamente non vedo il senso di bere durante un volo”, dice. “Certo, ho un paio nel terminal, ma volare già mi fa stare male, non voglio davvero aggiungerlo”.

Sarebbe una storia diversa se tutti bevessero responsabilmente, ha detto, riconoscendo che il suo punto di vista è colorato da brutte esperienze.

“Non dimenticherò mai il mio volo per India. Mi sono seduto accanto a questo ragazzo che beveva continuamente e non smetteva di parlarmi. Non era inappropriato o altro. Semplicemente non ha accettato i miei suggerimenti e tutto ciò che volevo fare era guardare un film e andare a dormire.

“Invece, ho imparato tutto sulla sua famiglia e penso di essere stato invitato a un paio di matrimoni”.

Allora, qual è il verdetto sui voli senza alcol?

Purtroppo, non c’è una risposta “sì o no” sul fatto che l’alcol debba essere vietato a bordo.

La maggior parte dei passeggeri è in grado di gestire il proprio alcol e riesce a stare per conto proprio. Ma quando sfugge di mano, può portare a situazioni spiacevoli e talvolta pericolose.

Anche le compagnie aeree hanno in atto procedure per gestire il consumo di alcol, ma non sono facili da far rispettare. Soprattutto quando non c’è un grande portiere corpulento per implementarli.

C’è anche il tempo di volo e i tipi di compagnie aeree da considerare. Perché vietare alcol su un volo che dura 90 minuti quando fa così tanti soldi con le vendite di alcolici?

Forse le limitazioni dovrebbero essere imposte e servite solo quando c’è il cibo. O potrebbe esserci un sistema in cui la cabina è separata in sezioni per bere e per non bere?

Ma per il momento, l’alcol è una parte standard dei voli come noi rilassarci nel viaggio globale.

Exit mobile version