In tempi di emergenza, i droni possono salvarti la vita. In caso di incendio, ad esempio, le telecamere a ricerca di calore possono fornire ai soccorritori informazioni vitali su ciò che sta accadendo all’interno di un edificio.

Alla caserma dei pompieri di Bruxelles Euronews incontra Romeo Durscher, Direttore della Sicurezza di DJI, azienda leader nella produzione di droni.

Dopo pochi istanti, l’edificio di fronte a noi prende fuoco ed è il momento in cui un drone entra in azione. Questi veicoli aerei senza pilota sono utili dove gli esseri umani non possono avvicinarsi abbastanza per vedere cosa sta succedendo.

“Ora posso vedere che c’è ancora una vittima all’interno della stanza e questo è estremamente potente. Questi dati consentono all’intercomandante di assegnare risorse a diverse aree”, spiega Romeo.

I servizi di soccorso di tutta l’UE si sono riuniti al vertice sui droni e sulla sicurezza pubblica a Bruxelles.

Il funzionario italiano Onofrio Lorusso conferma che i droni hanno aiutato all’indomani del crollo del ponte di Genova di agosto.

“Abbiamo utilizzato i droni per produrre modelli 2D panoramici per identificare altri bersagli su cui potremmo intervenire in modo da poter ottimizzare la pianificazione delle operazioni di soccorso”.

Nonostante l’utilità dei droni, la mancanza di normative UE complete potrebbe ostacolare le operazioni di salvataggio. Attualmente, i droni di peso inferiore a 150 kg rientrano nella giurisdizione delle autorità nazionali, pertanto produttori e operatori sono soggetti a requisiti di progettazione e sicurezza diversi.

È in corso di elaborazione una proposta della Commissione Europea per armonizzare la legislazione sui droni civili.

“Molte aziende all’interno della catena del valore dello spazio dell’UE hanno prodotti, potrebbero eventualmente avere soluzioni ma non possono diventare commerciali in questo momento. Una volta che la legislazione sarà pienamente operativa, saranno in grado di aprire il settore e fare affari commerciali”, afferma Munish Khurana, Senior manager di Eurocontrol.

La tecnologia dei droni civili ha anche un impatto economico: si prevede che creerà circa 150mila posti di lavoro nell’UE entro il 2050.