Drone di risposta medica di Draganfly.

Draganfly, un produttore di droni con sede a Los Angeles, ha confermato che uno dei primi droni umanitari che spedirà in Ucraina è arrivato e presto consegnerà insulina ai diabetici nel paese dilaniato dalla guerra.

Ci sono 2,3 milioni di persone che vivono con il diabete in Ucraina, molti dei quali sono diabetici di tipo 1 che hanno bisogno di iniezioni quotidiane di insulina per sopravvivere. Per coloro che vivono in aree del Paese ad alto conflitto, l’accesso all’insulina salvavita è limitato o inesistente.

L’organizzazione no-profit Revived Soldiers Ukraine (RSU), utilizzerà i droni Medical Response di Draganfly per fornire i dispositivi di iniezione senza ago di NuGen MD, precaricati con insulina, nelle aree di conflitto in tutta l’Ucraina, così come altre forniture mediche cruciali, secondo ai funzionari di Draganfly.

Il primo drone di risposta medica di Draganfly è stato consegnato a Iryna Vashchuk Discipio, presidente della RSU, e ai membri del suo staff, inclusi i piloti, in una struttura in Polonia il 1 maggio 2022. Il drone è stato quindi trasportato in Ucraina, dove i piloti dell’azienda hanno condotto un addestramento virtuale con gli operatori di droni della RSU.

I droni Draganfly Medical Response sono dotati di scatole di carico a temperatura controllata che possono trasportare fino a 35 libbre di sangue, prodotti farmaceutici, insulina e altri medicinali, vaccini e kit per la cura delle ferite, secondo i funzionari dell’azienda.

Oltre a donare tre sistemi di droni, Draganfly ha ricevuto un ordine per i suoi droni di risposta medica e ricerca e salvataggio da Coldchain Delivery Systems per l’immediato dispiegamento con RSU. L’ordine iniziale richiede 10 droni, con l’ordine completo che richiede fino a 200 droni, hanno riferito i funzionari di Draganfly.