QuizVDS Blog

Droni sorvolano le spiagge della Catalogna per imporre il distanziamento sociale mentre i tassi di COVID aumentano

Droni sorvolano le spiagge della Catalogna per imporre il distanziamento sociale mentre i tassi di COVID aumentano

La città balneare catalana di Sitges sta sperimentando l’uso di droni per monitorare l’occupazione delle sue spiagge, poiché Barcellona e il circostante angolo nord-orientale della Spagna si preparano a ulteriori restrizioni legate al COVID-19.

La regione sta ricominciando a chiudere per arginare un’ondata incontrollata della variante Delta del coronavirus.

Le autorità della Catalogna stanno implementando una serie di misure per combattere il nuovo focolaio.

Tra l’11 luglio e il 22 agosto, due droni si libreranno costantemente a 50 metri dalle spiagge della famosa località balneare a un’altitudine di 30 metri.

Un coprifuoco notturno è stato reintrodotto dalle autorità catalane nell’ultimo sforzo per aumentare le restrizioni e scoraggiare gli incontri sociali dove il virus può diffondersi.

Il coprifuoco finora non è riuscito a dissuadere la grande folla che scende sulle spiagge di Barcellona, ​​secondo quanto riportato lunedì dal quotidiano spagnolo El País.

‘La situazione è terribile’

I droni sono stati accolti da alcuni che credono che i giovani stiano aumentando i tassi di infezione.

“Penso che stiano facendo la cosa giusta. Con i droni che sorvegliano, le spiagge non hanno più persone di quanto dovrebbero. Perché la situazione è terribile”, ha detto la bagnante di Sitges Teresa Losada.

“E i giovani non sono molto responsabili. Perché avrebbero dovuto vaccinare prima i più giovani. Sono loro tutti i problemi”.

La variante Delta, più infettiva, sta spingendo le infezioni a tornare in molti paesi, anche in Europa, dove gli sforzi di vaccinazione stanno andando bene e i sistemi sanitari pubblici sono solidi.

Ma la Catalogna ora registra il doppio della media spagnola ed è tra le aree più colpite in Europa con oltre 1.000 casi ogni 100.000 abitanti in 14 giorni.

In 161 comuni catalani è stato introdotto il coprifuoco dall’1:00 alle 6:00.

I tribunali di altre regioni si sono finora opposti all’emissione di simili coprifuoco e restrizioni durante la notte.

Per ulteriori informazioni su questa storia, guarda il video nel lettore multimediale sopra.

Exit mobile version