QuizVDS Blog

Emiliano Sala: condannato a 18 mesi di reclusione l’uomo che organizzò una fuga fatale

Emiliano Sala: condannato a 18 mesi di reclusione l'uomo che organizzò una fuga fatale

L’uomo che ha organizzato la fuga fatale del calciatore Emiliano Sala è stato condannato a 18 mesi dal tribunale di Cardiff.

David Henderson è stato dichiarato colpevole il mese scorso di agire in modo sconsiderato o negligente che avrebbe potuto mettere in pericolo un aeromobile.

In precedenza si era dichiarato colpevole di aver operato un aereo commerciale senza permesso.

Ma dopo due settimane di udienze e sette ore di deliberazione, la giuria di un tribunale di Cardiff ha ritenuto Henderson colpevole di aver assunto un pilota che sapeva non essere qualificato.

Il piccolo aereo privato che trasportava il giocatore e pilota 28enne argentino David Ibbotson si è schiantato nel Canale della Manica il 21 gennaio 2019. L’attaccante dell’FC Nantes si stava unendo alla squadra gallese del Cardiff City con un trasferimento di 17 milioni di euro.

L’Aviation Accident Investigation Bureau (AAIB) del Regno Unito ha stabilito che il pilota ha perso il controllo dell’aereo – un Piper PA-46 Malibu – durante una manovra ad alta velocità, “probabilmente” intesa a evitare il maltempo.

L’AAIB ha anche suggerito che il pilota fosse “probabilmente” avvelenato dal monossido di carbonio dal sistema di scarico del motore.

Il corpo di Sala è stato trovato tra i rottami dell’aereo, più di due settimane dopo l’incidente, ma il corpo del 59enne Ibbotson non è stato trovato.

L’incidente ha scioccato il mondo del calcio e ha suscitato tributi a Cardiff, Nantes e nel paese natale di Sala, l’Argentina.

La corte ha ritenuto che Henderson avrebbe dovuto pilotare lui stesso l’aereo, ma ha affidato il lavoro a Ibbotson, che non aveva la licenza di pilota per pilotare il tipo di aereo e volare di notte.

I pubblici ministeri hanno accusato il sospettato di agire “nel proprio interesse finanziario” e sapendo benissimo che il pilota non era qualificato.

La proprietaria del Piper Malibu aveva dichiarato alla corte di aver chiesto esplicitamente all’imputata per iscritto di non utilizzare più i servizi di David Ibbotson, dopo diverse infrazioni denunciate.

Gli avvocati di Henderson avevano sostenuto che i suoi presunti reati erano “puramente una questione di scartoffie” e non avevano messo a rischio il volo.

Prima di prendere il piccolo aereo privato, Emiliano Sala aveva inviato un messaggio su WhatsApp affermando che l’aereo “sembra che stia per andare in pezzi”.

“Ho paura!” ha detto il giocatore in un messaggio di posta vocale inviato ai suoi parenti.

Exit mobile version