QuizVDS Blog

Guerra in Ucraina: cinque importanti sviluppi che devi sapere per martedì

Guerra in Ucraina: cinque importanti sviluppi che devi sapere per martedì

1. L’Ucraina si prepara al rinnovato assalto russo

L’Ucraina si aspetta un nuovo assalto da parte delle forze di terra russe, a seguito di bombardamenti diffusi che hanno ucciso più di 30 persone, mentre gli alleati occidentali di Kiev si preparano a un peggioramento della crisi energetica globale se la Russia tagliasse la sua fornitura di petrolio e gas.

Sebbene il Cremlino abbia annunciato una pausa nel suo assalto dopo aver rivendicato la vittoria nella regione orientale di Luhansk dopo la caduta di Lysychansk, il bombardamento russo è continuato in tutta l’Ucraina.

Lo stato maggiore dell’Ucraina ha affermato che i bombardamenti in tutto il paese sono stati i preparativi per un’intensificazione delle ostilità mentre la Russia cerca di impadronirsi del resto della regione di Donetsk e controllare l’intero cuore industriale del Donbas orientale.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha affermato che la Russia ha effettuato 34 attacchi aerei da sabato, uno dei quali ha colpito un condominio di cinque piani uccidendo 31 persone e intrappolando dozzine.

Molte città, paesi e villaggi ucraini sono stati lasciati in rovina e il costo umano dell’invasione della Russia, il più grande conflitto europeo dalla seconda guerra mondiale e ora al suo quinto mese, aumenta.

Leggi di più nella nostra storia qui.

2. L’Ucraina riferisce di uno sciopero al deposito di munizioni russo nel sud

Le autorità ucraine hanno dichiarato martedì che le loro forze hanno preso di mira un deposito di munizioni russo nell’Ucraina meridionale durante la notte, provocando una massiccia esplosione catturata sui social media.

Il comando meridionale dell’esercito ucraino ha affermato che un attacco missilistico ha preso di mira il deposito di Nova Kakhovka, controllato dai russi, a circa 35 miglia (55 chilometri) a est della città portuale di Kherson sul Mar Nero, anch’essa occupata dalle forze russe.

La precisione dell’attacco ha suggerito che le forze ucraine hanno utilizzato i sistemi missilistici di artiglieria ad alta mobilità forniti dagli Stati Uniti, o HIMARS, per colpire l’area. L’Ucraina ha indicato nei giorni scorsi che potrebbe lanciare una controffensiva per rivendicare il territorio nel sud del paese, poiché la Russia destinerà risorse alla cattura di tutta la regione orientale del Donbas.

L’agenzia di stampa russa Tass ha offerto un resoconto diverso dell’esplosione a Nova Kakhovka, dicendo che un impianto di stoccaggio di fertilizzanti minerali è esploso e che un mercato, un ospedale e le case sono stati danneggiati durante lo sciopero. Alcuni degli ingredienti nel fertilizzante possono essere usati per le munizioni.

Una foto satellitare scattata martedì e analizzata dall’Associated Press ha mostrato danni significativi. Un imponente cratere sorgeva proprio dove un tempo sorgeva in città una grande struttura simile a un magazzino,

L’Ucraina ora ha otto dei sistemi HIMAR, un lanciamissili montato su camion ad alta precisione, e Washington ha promesso di inviarne altri quattro.

3. UE e USA approvano più fondi per l’Ucraina

L’Ucraina sta ricevendo un’ulteriore assistenza extra di 1,7 miliardi di dollari (1,7 miliardi di euro) dal governo degli Stati Uniti e dalla Banca mondiale per pagare gli stipendi dei suoi operatori sanitari assediati e fornire altri servizi essenziali.

Il denaro proveniente martedì dall’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale, dal Dipartimento del Tesoro e dalla Banca mondiale ha lo scopo di alleviare l’acuto deficit di bilancio causato dalla “brutale guerra di aggressione” del presidente russo Vladimir Putin, ha affermato l’USAID in una nota.

Mentre molti operatori sanitari hanno lasciato l’Ucraina, alcuni ospedali sono stati chiusi e altri sono stati bombardati. Gli operatori sanitari che rimangono in Ucraina svolgono il loro lavoro in condizioni terribili.

Viktor Liashko, ministro della Salute ucraino, ha affermato che pagare gli stipendi degli operatori sanitari sta diventando ogni mese più difficile “a causa del peso schiacciante della guerra”.

“1,7 miliardi di dollari non sono solo l’ennesimo supporto finanziario; è un investimento che ci avvicina un passo alla vittoria”, ha detto Liashko in una nota.

Anche martedì i ministri europei hanno approvato una proposta della Commissione per fornire un ulteriore miliardo di euro in assistenza all’Ucraina.

La nuova assistenza macrofinanziaria (AMF) si aggiunge agli 1,2 miliardi di euro già concessi all’inizio di quest’anno e sarà emessa come prestito a lungo termine.

Ha lo scopo di soddisfare le esigenze di finanziamento immediate e più urgenti dell’Ucraina e di garantire che lo Stato ucraino possa continuare a svolgere le sue funzioni più critiche.

Leggi di più sulla nostra storia qui.

4. Putin in visita a Teheran tra le accuse di acquisizione di droni iraniani

Il presidente Vladimir Putin si recherà in visita in Iran la prossima settimana, appena un giorno dopo che gli Stati Uniti hanno accusato l’Iran di aver inviato droni in grado di utilizzare armi in Russia.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha annunciato martedì che Putin si recherà a Teheran martedì prossimo 19 luglio, per prendere parte a un incontro tripartito con i suoi omologhi iraniani e turchi nell’ambito del processo di pace di Astana per porre fine alla guerra in Siria.

Putin intende partire per Teheran subito dopo la fine della visita del presidente degli Stati Uniti Joe Biden in Israele e Arabia Saudita per discutere del programma nucleare iraniano e delle attività maligne nella regione.

Secondo Mohammadreza Pourabrahimi, presidente della Commissione economica del parlamento iraniano, il governo di Teheran spera che la visita di Putin possa fornire le basi per l’espansione della cooperazione economica bilaterale tra Iran e Russia in una situazione in cui entrambi i paesi sono soggetti alle sanzioni statunitensi.

Peskov ha anche confermato che Putin avrà un incontro separato con il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan mentre si trova a Teheran.

La Casa Bianca ha dichiarato lunedì di ritenere che la Russia si stia rivolgendo all’Iran per fornirgli “centinaia” di droni, compresi quelli in grado di trasportare armi, da utilizzare in Ucraina.

Leggi di più sulla nostra storia qui.

5. I separatisti aprono l'”ambasciata” di Mosca

La regione separatista di Donetsk, nell’Ucraina orientale, ha aperto martedì un'”ambasciata” a Mosca, denunciando un peggioramento della situazione sul terreno, dove i combattimenti sono intensi.

“La situazione è peggiorata drasticamente negli ultimi giorni”, ha detto Natalia Nikanorova, ministro degli Esteri della regione separatista filo-russa.

“Non abbiamo fretta”, ha detto Nikanorova alla domanda sull’intenzione della regione di rientrare pienamente in Russia.

“L’obiettivo principale è liberare la repubblica”, ha detto, usando il linguaggio usato dalla Russia per descrivere la conquista territoriale della regione.

“Poi ci sarà un referendum a tempo debito e vedremo qual è la volontà del popolo”, ha detto, aggiungendo di essere “pronta” a cambiare lo status di “ambasciata” in un evento del genere.

Il presidente russo Vladimir Putin ha riconosciuto l’indipendenza delle due regioni di Lugansk e Donetsk, che formano il bacino del Donbass, da Kiev a febbraio, aprendo la strada all’ingresso delle truppe russe in Ucraina pochi giorni dopo, il 24 febbraio.

Mosca sta attualmente concentrando la sua offensiva militare nell’Ucraina orientale.

Nikanorova era accompagnata dall'”ambasciatrice” della regione separatista di Donetsk, Olga Makeyeva.

Le due donne hanno parlato alla stampa nel cortile del grigio edificio dove sorgerà l'”ambasciata”, in un quartiere centrale della capitale russa, con una forte presenza di polizia. L’inaugurazione è avvenuta in assenza di alti funzionari russi.

Exit mobile version