Quando le materie prime scarseggiano in un paese soggetto a sanzioni economiche, devi essere creativo.

Questa è l’esperienza di Alasoluciones, un team di ingegneri di otto uomini che stanno costruendo droni fatti in casa nel loro garage a Mayabeque, Cuba.

In un settore noto per la tecnologia all’avanguardia, Alasoluciones progetta e costruisce droni nella sua officina rustica e li trasporta e li lancia dal suo ufficio mobile, una Ford Fairlane del 1958.

A partire dal 2017, il team ha prodotto i droni utilizzando rottami metallici, plastica e legno abbattuti dalle foreste vicine.

La loro ultima creazione è un drone falco che stride per spaventare gli uccelli lontano da siti come gli aeroporti.

A febbraio, il governo cubano ha autorizzato il lavoro privato individuale in più di 2.000 attività, una misura tanto attesa dagli imprenditori cubani.

L’atteggiamento mutevole di Cuba nei confronti delle PMI

C’è ora una mossa per consentire l’avvio di piccole e medie imprese (PMI) nel paese. Il primo ministro Manuel Marrero ha detto questo mese al Congresso del Partito Comunista al governo che “sono stati elaborati regolamenti che consentiranno di avanzare proposte in modo che, una volta approvato, si possa iniziare ora”.

È un punto di svolta per le industrie artigianali come Alasoluciones.

“[The team] offre soluzioni e ha molte prospettive”, ha affermato Rene Gonzalez, presidente del Cuban Aviation Club ed ex spia cubana.

“In primo luogo, è un gruppo molto motivato con una vocazione molto alta, ma si sta anche avventurando in un’attività che ha un grande potenziale per l’economia di qualsiasi Paese”.

Per ulteriori informazioni su questa storia, guarda il video nel lettore multimediale sopra.