QuizVDS Blog

Il terrore del volo a sud-ovest nei cieli: come è successo

Il terrore del volo a sud-ovest nei cieli: come è successo

Quando martedì mattina Jennifer Riordan si è imbarcata sul volo 1380 della Southwest Airlines all’aeroporto LaGuardia di New York, non vedeva l’ora di tornare a casa da suo marito Michael e dalle sue due figlie ad Albuquerque, nel New Mexico. Ma 20 minuti dopo l’inizio del volo, che era destinato a Dallas, ne seguì il terrore.

Mentre sfrecciava per 32.000 piedi sopra Filadelfia, uno dei due motori del Boeing è esploso, rilasciando schegge che hanno pepato la fusoliera e mandato in frantumi il finestrino di Riordan. Il danno ha causato la depressurizzazione della cabina dell’aereo, dove erano seduti 144 passeggeri e l’instabilità del jet.

“L’aereo è caduto immediatamente”, ha detto Matt Tranchin, che era sul volo. “[The] l’aereo puzzava di fumo. Ash era tutto intorno a noi.

L’equipaggio di condotta si è preparato per un atterraggio di emergenza.

“Mentre atterravamo, continuavano a ripetere: ‘Preparati per l’atterraggio! Preparati per l’atterraggio!'”, Ha detto Tranchin a NBC News.

La forza ha spinto Riordan attraverso la finestra rotta.

“C’era sangue sui finestrini… le sue braccia erano effettivamente fuori dall’aereo e la sua testa era fuori dall’aereo”, ha detto un altro passeggero a NBC Nightly News.

Le persone si sono affrettate a riportare al sicuro il dirigente di banca di 43 anni e ad amministrare la rianimazione cardiopolmonare.

“Semplicemente non sarebbe stato abbastanza”, ha detto Peggy Phillips, un’infermiera di bordo che si prendeva cura di Riordan.

Dopo che l’aereo è atterrato in sicurezza all’aeroporto internazionale di Filadelfia, Riordan, che lavorava per la società finanziaria Wells Fargo, è stata trasportata in ospedale ma è morta per le ferite riportate.

Il medico legale di Filadelfia ha stabilito che un trauma contusivo alla testa, al collo e al busto è stato ciò che l’ha uccisa e ha ritenuto la sua morte un incidente.

Nell’incidente sono rimasti feriti anche altri sette passeggeri.

“Uno dei motori a reazione più affidabili e popolari nella storia delle compagnie aeree”

Fino a martedì, diversi miliardi di passeggeri trasportati da 100 milioni di voli operati dalle compagnie aeree statunitensi dal 2009 avevano effettuato il loro viaggio. Anche Southwest Airlines aveva mantenuto un eccellente record di sicurezza. Nessun passeggero era morto a bordo nei 51 anni di storia della compagnia prima della morte di Riordan.

“Questo è un giorno molto triste e, a nome dell’intera famiglia del sud-ovest, voglio esprimere le più sentite condoglianze alla famiglia e ai cari del cliente deceduto”, ha affermato il CEO Gary Kelly rivolgendosi ai giornalisti presso la sede del vettore a Dallas.

Anche l’impresa franco-americana CFM International, che ha prodotto i motori montati sul volo 1380, ha espresso le sue “più sentite condoglianze”.

“CFM supporterà NTSB (National Transportation Safety Board) e Southwest Airlines nel determinare la causa dell’incidente e CFM e le sue società madri, GE (General Electric) e Safran, metteranno a disposizione ogni risorsa necessaria per garantire il supporto”, hanno affermato in una dichiarazione.

Il CFM56-7B, il motore montato sul Boeing 737 insieme a oltre 6.700 altri velivoli in tutto il mondo, è considerato “uno dei motori a reazione più affidabili e popolari nella storia delle compagnie aeree”, secondo il fornitore.

Allora cosa potrebbe averlo fatto esplodere?

L’NTSB, un’agenzia federale incaricata di indagare sugli incidenti di trasporto, ha inviato un team di esperti a Filadelfia per esaminare l’aereo.

“Il nostro specialista si è immediatamente concentrato su una pala della ventola mancante”, ha affermato martedì sera il presidente dell’NTSB Robert Sumwalt, aggiungendo che è stata osservata “fatica da metallo” sul motore in cui la pala della ventola si è spezzata.

“Siamo molto preoccupati”, ha detto ai giornalisti. “Devono essere in atto meccanismi di ispezione adeguati per verificarlo prima che si verifichi un evento catastrofico”.

Un’indagine completa sull’incidente potrebbe richiedere dai 12 ai 15 mesi.

I risultati dell’NTSB corrispondono a un avvertimento emesso da specialisti dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA), che il mese scorso hanno proposto alle compagnie aeree di esaminare i motori CFM56 montati sui loro jet Boeing 737.

Sebbene l’EASA non abbia specificato cosa avesse spinto l’avviso, i dettagli rispecchiavano un incidente minore che ha coinvolto un aereo del sud-ovest nell’agosto 2016, quando una pala della ventola si è fratturata durante il volo e ha rilasciato detriti sia nel motore che verso il corpo dell’aereo.

Le lame recuperate 20 mesi fa dal volo 3472 mostravano i classici segni di rottura da fatica, secondo un’indagine NTSB.

Alla domanda sulle somiglianze tra quello che è successo allora e il volo 1380, Sumwalt ha rifiutato di speculare.

“Vogliamo guardare a questo particolare evento e vedere quali sono i fattori che lo circondano e forse sono correlati e forse no”, ha detto Sumwalt al sito web di notizie sull’aviazione FlightGlobal. “Dobbiamo capire cosa sta succedendo qui”.

Exit mobile version