QuizVDS Blog

La somministrazione di dosi di vaccino tramite drone accelera le vaccinazioni contro il COVID-19 nelle aree remote del Ghana

La somministrazione di dosi di vaccino tramite drone accelera le vaccinazioni contro il COVID-19 nelle aree remote del Ghana

Il Ghana è uno dei primi paesi al mondo a fornire vaccini contro il COVID-19 tramite drone.

I droni, gestiti dalla società americana di consegne mediche Zipline, hanno erogato quasi 25.000 dosi di jab vitali.

Il ministero della salute del Ghana ha collaborato con Zipline e la società di logistica UPS per portare i vaccini in aree rurali remote che sarebbero difficili e costose da raggiungere su strada.

“Ti mette in mente una prospettiva diversa su come potrebbe essere la logistica”, ha affermato Daniel Marfo, vicepresidente senior di Zipline in Africa.

Come funziona?

Una volta che le dosi di vaccino contro il COVID-19 arrivano negli aeroporti del Ghana, vengono trasferite nei centri di conservazione refrigerati del governo.

Una volta che Zipline riceve i vaccini dal Ministero della Salute in uno dei loro siti di lancio, collaborano con varie strutture sanitarie rurali per scoprire quanti vaccini sono necessari quel giorno.

I lavoratori di Zipline mettono quindi i vaccini in un imballaggio specializzato che impedisce ai vaccini di rompersi e li mantiene anche freddi. È fondamentale che i vaccini viaggino alla giusta temperatura per tutta la durata del viaggio.

Ogni confezione può contenere fino a 2.000 dosi alla volta.

I dipendenti delle strutture sanitarie locali ricevono un orario e un luogo precisi per la riconsegna e cinque minuti prima ricevono un altro messaggio tramite SMS o WhatsApp.

Quando il drone si avvicina, scende di 10 metri e lascia cadere il pacco.

L’operatore di droni Zipline afferma che l’utilizzo di droni per indirizzare la consegna del vaccino a centri sanitari specifici aiuta a ridurre gli sprechi.

“Solo avendo la capacità di dire che al mattino, cammini verso il centro, sai che esattamente 130 persone sono qui in questo momento. Quindi voliamo abbastanza dosi solo per 130 persone: è una cosa molto potente da fare .Non hai previsto, non hai sopravvalutato, hai solo inviato quello che serviva, il che significa che non stai sprecando nessuna dose”, ha detto Marfo.

Ad oggi, il Ghana ha somministrato un totale di 1,23 milioni di vaccini, mentre 376.000 persone sono state completamente vaccinate.

Il Ghana è stato il primo paese a ricevere una grande spedizione di vaccini attraverso l’iniziativa COVAX, un programma mondiale volto a un accesso equo ai vaccini COVID-19.

Exit mobile version