Migliaia di persone sono state evacuate dalle loro case nel sud-ovest della Francia mercoledì, in una regione nota per le sue pinete che è stata devastata dalle fiamme solo il mese scorso.

L’incendio nei pressi della città di Bordeaux ha costretto all’evacuazione di circa 6.000 persone e ha distrutto almeno sedici case. Un’importante autostrada è stata chiusa mercoledì pomeriggio a causa della vicinanza dell’incendio.

Le foto rilasciate dai vigili del fuoco hanno mostrato le fiamme che infuriavano attraverso le foreste di pini, inviando nuvole di fumo grigio scuro che si innalzavano nel cielo.

Più di 60 chilometri quadrati sono bruciati nella regione della Gironda e nelle vicine Landes nell’ultimo incendio scoppiato in una nazione europea mentre il continente soffoca durante un’estate calda e secca.

Ministro dell’Interno francese Gerald Darmanin ha annunciato che altri vigili del fuoco sono stati inviati sul sito nel tentativo di contenere l’incendio. In totale, sono stati mobilitati più di 1.000 vigili del fuoco, nove aerei e due elicotteri, ha affermato.

Darmanin ha detto di avere “grandi sospetti” che l’incendio “sia opera di incendiari”.

“Questa mattina ci sono stati otto incendi, tra le 8:00 e le 9:00, iniziati a poche centinaia di metri l’uno dall’altro, il che è abbastanza insolito”, ha detto il ministro.

Il La regione della Gironda è stata colpita il mese scorso da grandi incendi che hanno costretto all’evacuazione di oltre 39.000 persone, compresi residenti e turisti.

La Francia è questa settimana nel mezzo della sua quarta ondata di caldo dell’anno mentre il paese deve affrontare quella che il governo ha avvertito come la peggiore siccità mai registrata.

Le temperature nel sud del paese dovrebbero raggiungere nuovamente i 40 gradi Celsius mercoledì.