Gol è ottimista riguardo al 2022, scommettendo che i prezzi elevati delle materie prime, uniti alla disciplina della capacità in Brasile, accelereranno la sua ripresa finanziaria a livelli pari o superiori a quelli pre-pandemia.

L’ottimismo è alquanto controintuitivo al di fuori del Brasile. Nonostante la rapida ripresa della domanda di viaggi, le compagnie aeree in Europa e Nord America devono far fronte all’aumento dei prezzi del carburante e all’incertezza futura a causa dell’invasione russa dell’Ucraina a febbraio. Tuttavia, in Brasile, dove le materie prime, compreso il petrolio, sono una parte importante dell’economia, i prezzi elevati del petrolio e di altre materie prime si sono storicamente tradotti in una forte domanda aziendale per le compagnie aeree del paese.

Gol vede già prenotazioni in linea con i livelli del 2019 a marzo, aprile e maggio, ha affermato il Chief Financial Officer Richard Lark durante la chiamata sugli utili del quarto trimestre della compagnia aerea il 14 marzo. Tuttavia, i rendimenti per tali prenotazioni sono circa il 30% in più rispetto a tre anni fa , e prevalentemente da viaggiatori di piacere. Questo indica a Gol, che storicamente ha trasportato una percentuale maggiore di viaggiatori d’affari rispetto ai vacanzieri, che c’è un significativo aumento di rendimento quando i guerrieri della strada tornano.

I viaggi aziendali si sono attestati al 65-70% dei livelli del 2019 nel quarto trimestre e si prevede che si riprenderanno all’80-85% entro il secondo trimestre, ha affermato Lark. E quella ripresa aziendale è avvenuta in gran parte senza le grandi società di materie prime brasiliane, tra cui Petrobras e Vale, il che suggerisce un significativo aumento dei viaggi d’affari se i prezzi delle materie prime rimangono elevati.

La prospettiva rialzista arriva quando le compagnie aeree riducono i piani di capacità in Brasile. In un aggiornamento pubblicato lunedì, Gol ha ridotto di 5 punti percentuali la sua previsione di capacità per il 2022, portandola a un aumento del 65-75% anno su anno rispetto alle aspettative di un aumento del 30% anno su anno delle spese di carburante. La compagnia aerea ha volato solo il 41% della sua capacità nel 2019 lo scorso anno; tuttavia, quel numero si è attestato al 67% nel quarto trimestre. Le prospettive di Gol includono la ripresa dei voli statunitensi a maggio, anche tra Brasilia e Miami e Orlando, e Fortaleza e Miami.

Parlando a una conferenza degli investitori di Raymond James il 7 marzo, il Chief Financial Officer di Azul Alex Malfitani ha affermato che è probabile che il vettore taglierà la capacità del secondo trimestre a causa dei prezzi elevati del carburante. Ha fatto eco alle previsioni di Lark in miglioramento della domanda aziendale nel paese. Azul è la più grande compagnia aerea del Brasile.

“Il nome del gioco ora è la gestione della capacità”, ha affermato Paulo Kakinoff, CEO di Gol.

Gol rimane concentrato sulle sue altre iniziative aziendali quest’anno. La cosa più importante è la flotta: la compagnia aerea prevede di prendere in consegna 21 Boeing 737-8 nel 2022 e concludere l’anno con 44 aeromobili di ultima generazione. Di queste consegne, 12 sono finanziate nell’ambito di un accordo da 600 milioni di dollari con Castlelake che include 10 leasing finanziari e due sale-and-leaseback. Gol intende restituire 20 737-700 e -800 ai locatori con l’arrivo dei nuovi Max, il che ha comportato un addebito netto una tantum di 1,6 miliardi di reais ($ 313 milioni) nel quarto trimestre.

L’aggiornamento della flotta porterà a una riduzione dell’8% dei costi unitari, incluso il carburante, dal passaggio a Max più efficienti in termini di consumo di carburante dai vecchi 737, ha affermato Lark. Inoltre, i nuovi velivoli aggiungeranno una certa capacità incrementale in quanto sostituiranno alcuni 737-700 più piccoli.

Gol prevede ricavi netti di 13,7 miliardi di reais nel 2022, o quasi i 13,9 miliardi di reais che ha portato nel 2019. E un margine di utile prima di interessi e tasse del 10 percento, o 5 punti in meno rispetto a tre anni prima.

Nel quarto trimestre, Gol ha perso 2,8 miliardi di reais su 2,9 miliardi di reais di ricavi. I ricavi delle unità passeggeri sono aumentati del 17% e i costi unitari, escluso il carburante, del 68% sono aumentati su due anni. Il traffico passeggeri è diminuito di quasi il 33% rispetto al 2019.

Gol ha perso 7,2 miliardi di reais su 7,4 miliardi di reais di ricavi nel 2022.