QuizVDS Blog

Perché le navi non si affrettano ad esportare grano dai porti del Mar Nero dopo l’accordo Ucraina-Russia?

Perché le navi non si affrettano ad esportare grano dai porti del Mar Nero dopo l'accordo Ucraina-Russia?

Con i paesi di tutto il mondo sull’orlo della carestia, le compagnie di navigazione non si stanno affrettando a esportare milioni di tonnellate di grano intrappolato fuori dall’Ucraina, nonostante un accordo rivoluzionario per fornire corridoi sicuri attraverso il Mar Nero.

La ragione? Le mine esplosive sono in agguato nelle acque, portando gli armatori a valutare i rischi e a chiedersi esattamente come si svolgerà l’accordo.

La complessità dell’accordo hanno avviato un inizio lento e cautoma è buono solo per 120 giorni e il tempo ha iniziato a ticchettare la scorsa settimana.

L’obiettivo nei prossimi quattro mesi è di ottenere circa 20 milioni di tonnellate di grano da tre porti marittimi ucraini bloccati da quando la Russia ha lanciato la sua invasione il 24 febbraio.

Ciò fornisce il tempo a circa quattro-cinque grandi portarinfuse al giorno per trasportare grano dai porti a milioni di persone povere in tutto il mondo che stanno affrontando la fame.

Russia e Ucraina forniranno ‘massime assicurazioni’

Significa anche che le cose potrebbero andare storte. Solo poche ore dopo la firma di venerdì, missili russi ha colpito il porto ucraino di Odesa — uno di quelli inclusi nell’accordo.

Un altro elemento chiave dell’accordo offre garanzie che le spedizioni e gli assicuratori che trasportano grano e fertilizzanti russi non rimarranno intrappolati nella più ampia rete di sanzioni occidentali.

Ma l’accordo mediato dalla Turchia e dall’Onu si scontra con la realtà di quanto sarà difficile e rischioso portare a termine il patto.

“Dobbiamo lavorare molto duramente per ora capire i dettagli di come funzionerà praticamente”, ha affermato Guy Platten, segretario generale della International Chamber of Shipping, che afferma di rappresentare le associazioni nazionali di armatori, che rappresentano circa l’80% del la flotta mercantile mondiale.

“Possiamo assicurarci e garantire la sicurezza degli equipaggi? Cosa accadrà anche alle miniere e ai campi minati? Quindi, molte incertezze e incognite al momento”, ha detto.

Ottenere grano e altri alimenti è fondamentale per gli agricoltori ucraini, che stanno esaurendo la capacità di stoccaggio mentre raccolgono i loro campi. Quei cereali sono vitali per milioni di persone in Africa, parti del Medio Oriente e dell’Asia meridionale, che stanno già affrontando carenze alimentari e, in alcuni casi, carestie.

L’Ucraina e la Russia sono i principali fornitori globali di grano, orzo, mais e olio di girasole, con combattimenti nella regione del Mar Nero, nota come il “cestino del pane del mondo”, che fanno salire i prezzi dei generi alimentari, minacciando la stabilità politica nei paesi in via di sviluppo e portando i paesi a vietare alcune esportazioni alimentari, aggravando la crisi.

L’accordo prevede che Russia e Ucraina forniranno “le massime garanzie” alle navi che affrontano il viaggio attraverso il Mar Nero verso i porti ucraini di Odesa, Chernomorsk e Yuzhny.

“Il rischio principale che si deve affrontare sarà ovviamente il mio”, ha affermato Munro Anderson, capo dell’intelligence e partner fondatore di Dryad. La società di consulenza per la sicurezza marittima sta lavorando con assicuratori e broker per valutare i rischi che le navi potrebbero affrontare lungo la rotta mentre le mine marine poste dall’Ucraina per scoraggiare la Russia stanno andando alla deriva.

Armatori, noleggiatori e compagnie assicurative stanno cercando di capire come andrà a finire l’affare in tempo reale.

“Penso che verrà [down] alla posizione degli assicuratori marittimi che forniscono il rischio di guerra e quanto aggiungeranno costi aggiuntivi per le navi che entrano in quella zona”, ha affermato Michelle Wiese Bockmann, analista di spedizioni e materie prime presso Lloyd’s List, una pubblicazione di notizie marittima globale .

Bockmann ha affermato che le navi che trasportano questo tipo di carico hanno in genere tra i 20 e i 25 marittimi a bordo.

“Non puoi rischiare quelle vite senza qualcosa di concreto e accettabile per gli armatori e per i loro noleggiatori per spostare il grano”, ha detto.

Gli assicuratori marittimi contattati da AP hanno rifiutato di commentare se avrebbero fornito copertura per queste navi.

Funzionari ucraini hanno espresso la speranza che le esportazioni possano riprendere da uno dei porti entro pochi giorni, ma hanno anche affermato che potrebbero essere necessarie due settimane prima che tutti e tre i porti tornino operativi.

L’equilibrio di potere è ancora con la Russia

La guerra ha devastato il commercio globale, bloccando oltre 100 navi nei numerosi porti dell’Ucraina.

Dall’inizio della guerra alla fine di febbraio, 22 navi portarinfuse e mercantili sono rimaste bloccate nei tre porti inclusi nell’accordo di esportazione, mostrano i dati della Lloyd’s List Intelligence. Circa 13 sono attraccate a Chornomorsk, sei a Odesa e tre a Yuzhny.

Alcune di queste navi potrebbero avere ancora equipaggi a bordo che potrebbero essere mobilitati per iniziare ad esportare cereali.

I commercianti ucraini sono stati in grado di inviare un po’ di grano attraverso il fiume Danubio, il che ha contribuito a sostenere le esportazioni a circa 1,5 milioni di tonnellate a maggio e fino a circa 2 milioni di tonnellate a giugno, sebbene questa sia ancora meno della metà delle spedizioni mensili di grano da 4 a 5 milioni di tonnellate prima della guerra, secondo Svetlana Malysh, analista dei mercati agricoli del Mar Nero presso Refinitiv.

Secondo i flussi commerciali di Refinitiv, durante la campagna di commercializzazione 2021-2022, la Russia ha esportato circa 30 milioni di tonnellate di grano.

Questo è il livello più basso dal 2017, in parte a causa dell’effetto agghiacciante delle sanzioni. Anche le esportazioni russe di fertilizzanti hanno registrato un calo del 25% nel primo trimestre dell’anno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, in parte a causa delle sanzioni occidentali, ha affermato Malysh.

Per le navi dirette ai tre porti ucraini, le barche pilota ucraine più piccole guideranno le navi attraverso corridoi approvati.

L’intera operazione, compresa la programmazione delle navi lungo la rotta, sarà supervisionata da un centro di coordinamento congiunto a Istanbul composto da funzionari provenienti da Ucraina, Russia, Turchia e Nazioni Unite.

Una volta che le navi raggiungeranno il porto, saranno caricate con decine di migliaia di tonnellate di cereali prima di tornare nello stretto del Bosforo, dove rappresentanti di Ucraina, Russia, ONU e Turchia saliranno a bordo delle navi per ispezionarle alla ricerca di armi. Probabilmente ci saranno anche ispezioni per le navi che si imbarcano in Ucraina.

“L’equilibrio di potere su questo accordo è ancora con la Russia”, ha affermato Anderson, capo dell’intelligence di Dryad. “Tutti i porti ucraini al di fuori dell’accordo corrono un rischio maggiore di attacco”.

“Penso a quello che vuole la Russia […] deve essere visto come lo stato che controlla la narrativa all’interno del Mar Nero”, ha detto Anderson.

Exit mobile version