Qantas Airways si è impegnata con l’Airbus A350 per i suoi voli a lunghissimo raggio “Project Sunrise” Sydney-New York e Sydney-Londra.

In un campo, ci sono viaggiatori a cui non importa quasi 20 ore in aereo se ciò significa risparmiare qualche ora sul loro viaggio totale. E nell’altro, ci sono quelli che coglieranno l’opportunità di metà viaggio per sgranchirsi le gambe in luoghi come Dubai o Los Angeles durante i viaggi in giro per il mondo.

Ciò che è chiaro è che l’ex campo – quelli che chiedono a gran voce di più, non-stop più lunghi – stanno facendo a modo loro. Qantas ha finalizzato un ordine per 12 A350-1000, che ha selezionato per la prima volta nel 2019, per Project Sunrise. Questi velivoli opererebbero di gran lunga le rotte aeree proposte più lunghe e l’impegno più audace per i voli a lunghissimo raggio fino ad oggi. Secondo Great Circle Mapper, le non-stop da Sydney a Londra Heathrow e New York Kennedy raggiungeranno rispettivamente 10.573 miglia e 9.950 miglia. Hanno battuto nettamente l’attuale detentore del record – Singapore-New York senza scalo di Singapore Airlines – di quasi 500 miglia.

“L’A350 e il Project Sunrise porteranno qualsiasi città a un solo volo dall’Australia. È l’ultima frontiera e l’ultima soluzione per la tirannia della distanza”, ha dichiarato il 2 maggio il CEO di Qantas Alan Joyce.

E Joyce ha buone ragioni per pensare che le non-stop avranno successo. Qantas ha lanciato voli diretti per Londra da Perth, i primi dal continente australiano, nel 2017 e, nonostante molti oppositori, è stato annunciato come un successo. Joyce ha affermato che la rotta Perth-Londra aveva “una forte domanda” prima della crisi del Covid-19 e “la massima soddisfazione dei clienti sulla nostra rete”.

Qantas deve ancora riprendere le rotte Perth-Londra senza scali, ma i voli per Londra via Darwin, un cambio di gateway effettuato a causa delle restrizioni di viaggio nell’Australia occidentale, sono state tra le prime rotte a lungo raggio che ha ripreso. E, sempre il 2 maggio, la compagnia aerea ha affermato che la domanda a Londra tramite Darwin era al di sopra dei livelli pre-crisi. La rotta Darwin-Londra arriva a 8.611 miglia, il che la colloca dietro solo alle rotte senza scalo di Los Angeles e New York di Singapore Airlines tra le rotte più lunghe in funzione a livello globale.

Air New Zealand entrerà nella mischia con la propria Auckland-New York senza scalo, una rotta di 8.828 miglia, dal 17 settembre.

Per quei viaggiatori a cui non importano i voli di quasi 20 ore, Qantas ha in programma alcuni arredi lussuosi. La compagnia aerea svelerà nuove suite di prima classe e business class sui suoi A350, oltre a opzioni premium economy ed economy più spaziose. E, in riconoscimento del pedaggio fisico di voli così lunghi, il layout di Qantas include una “zona benessere” per promuovere “movimento, stretching e idratazione” per tutti i passeggeri. Il vettore configurerà i suoi A350-1000 con 238 posti, più di 100 in meno rispetto al tipico layout a tre classi di Airbus di almeno 350 passeggeri per l’aeromobile.

Qantas prevede la consegna del suo primo A350-1000 nel 2025 con voli per Londra o New York che inizieranno lo stesso anno.

La finalizzazione da parte di Qantas del velivolo Project Sunrise è uno degli aspetti di un più ampio programma di rinnovo della flotta. La compagnia aerea ha anche confermato gli ordini per 20 A220-300 e 20 A321XLR il 2 maggio per sostituire i suoi Boeing 717 e 737 entro la fine del decennio. Gli ordini fanno parte di un impegno di 134 aeromobili per le famiglie A220 e A320neo che Qantas ha rivelato a dicembre. La compagnia aerea ha diritto di acquisto con Airbus per i restanti 94 aeromobili. Il primo A220 arriverà alla fine del 2023 e sarà seguito dal primo A321XLR un anno dopo.

Tutte le mosse della flotta arrivano in un contesto di miglioramento delle prospettive per Qantas. La compagnia aerea ha affermato che la domanda di viaggi si sta riprendendo più rapidamente del previsto, il che corrisponde alle prospettive fornite dalla maggior parte dei vettori stranieri e in particolare dalle compagnie aeree statunitensi. Qantas volerà il 105 percento della sua capacità domestica pre-pandemia nel trimestre di giugno – l’ultimo periodo di tre mesi del suo anno fiscale che termina a giugno – e prevede per la prima volta utili prima di interessi e tasse (EBIT) positivi per il segmento dall’inizio della crisi. La domanda aziendale interna è tornata all’85% rispetto ai livelli pre-Covid.

Internazionale è un’altra storia. Sebbene la domanda continui a riprendersi rapidamente, Qantas ha osservato che rimane depressa laddove sono ancora in vigore restrizioni di viaggio. Tuttavia, la domanda supera i livelli pre-pandemia nei mercati chiave, tra cui Bali, Johannesburg, Londra e Los Angeles.

Qantas mantiene le sue previsioni di una perdita fiscale 2022 ma prevede un anno fiscale 2023 redditizio. La compagnia aerea prevede guadagni positivi prima di interessi, tasse, ammortamenti e ammortamenti (EBITDA) di 450-550 milioni di dollari australiani (317-388 milioni di dollari) durante i sei mesi terminati a giugno.