QuizVDS Blog

Questi droni sparano semi piantano 40.000 alberi ogni giorno per combattere la deforestazione

Questi droni sparano semi piantano 40.000 alberi ogni giorno per combattere la deforestazione

Affrontiamolo. Parlare di perdita di biodiversità a una festa e difficilmente farai amicizia.

Parla di un esercito di droni spara-semi, tuttavia, e all’improvviso sei la persona più cool.

Che tu ci creda o no, una start-up australiana sta facendo esattamente questo. Utilizzando una flotta di “ottocotteri” altamente avanzati, Tecnologia AirSeed sta combattendo la deforestazione combinando intelligenza artificiale con baccelli di semi appositamente progettati che possono essere sparati nel terreno dall’alto nel cielo.

“Ciascuno dei nostri droni può piantare oltre 40.000 baccelli di semi al giorno e volano in modo autonomo”, afferma Andrew Walker, CEO e co-fondatore di AirSeed Technologies.

“Rispetto alle metodologie tradizionali, è 25 volte più veloce, ma anche l’80% in meno”.

Piantare 100 milioni di alberi entro il 2024

Prima del decollo, ogni tramoggia di droni viene caricata con baccelli di semi appositamente selezionati compatibili con l’habitat sottostante.

Questi baccelli sono realizzati utilizzando biomassa di scartofornendo un rivestimento ricco di carbonio che protegge i semi dagli uccelli, insetti e roditori.

“La nicchia risiede davvero nella nostra biotecnologia, che è il sistema di supporto per il seme una volta a terra”, afferma Walker.

“Protegge il seme da diversi tipi di fauna selvaticama supporta anche il seme una volta germinato e aiuta davvero a fornire tutti quei nutrienti e le fonti minerali di cui ha bisogno, insieme ad alcuni probiotici per aumentare davvero la crescita nella fase iniziale”.

Una volta in volo, i droni navigano traiettorie di volo fisse, piantando secondo schemi predefiniti e registrando le coordinate di ciascun seme.

Ciò consente ad AirSeed di valutare la salute dei loro alberi mentre crescono.

“Siamo molto consapevoli del fatto che dobbiamo ripristinare la salute del suolodobbiamo ripristinare le comunità microbiche all’interno del suolo e dobbiamo ripristinare i fornitori di habitat primari per gli animali”, continua Walker, che crede che il cielo sia il limite per la tecnologia basata sui droni.

L’azienda ha già piantato più di 50.000 alberi e punta a piantarne un totale di 100 milioni entro il 2024.

Le Nazioni Unite chiedono la fine della deforestazione netta a livello globale entro il 2030.Tela

Quanto è grave la deforestazione nel mondo?

Il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente afferma che la terra perde 70.000 chilometri quadrati di foresta ogni anno, un’area grande più o meno quanto il Portogallo.

Chiede che questa cifra venga dimezzata entro il 2025 e la fine deforestazione netta a livello mondiale entro il 2030.

Ma con i tassi di deforestazione difficilmente diminuiranno prestomisure innovative come queste sono ora più che mai necessarie per mitigare le drastiche implicazioni del cambiamento climatico.

AirSeed non è l’unico a sviluppare sistemi di impianto basati su droni combattere la perdita di biodiversità.

Anche altre due start-up – Dendra e Biocarbon Engineering – mirano a combattere la deforestazione con la tecnologia per la caduta dei semi.

Guarda il video qui sopra per vedere i droni in azione.

Exit mobile version