Due compagnie aeree statunitensi in crescita, vecchie di un anno, devono affrontare sforzi organizzativi da parte dei sindacati con l’intento di garantire che l’aviazione commerciale rimanga tra l’industria più sindacalizzata del paese.

La scorsa settimana l’Association of Flight Attendants (AFA) ha vinto un’elezione presso la Avelo Airlines con sede a Houston, che ha iniziato a volare nell’aprile 2021. Sono stati contati solo 14 voti e l’AFA ha vinto 8-6. Il vettore sta contestando le elezioni, soprattutto a causa del numero esiguo di elettori: ha intentato una causa contro il National Mediation Board (NMB). Ma il presidente dell’AFA Sara Nelson afferma che le elezioni sono state ritardate, in parte a causa degli sforzi della compagnia aerea. Ciò significava che l’unità di contrattazione originale è diminuita a causa dell’attrito.

Nel frattempo, presso la Breeze Airways con sede nello Utah, che ha iniziato a volare nel maggio 2021, l’Air Line Pilots Association (ALPA) ha presentato domanda per rappresentare i piloti. Il deposito NMB del 7 aprile ha affermato che il sindacato cerca di rappresentare i 69 piloti del vettore.

L’industria aerea è fortemente sindacalizzata. In American Airlines, United Airlines e Southwest Airlines, tre delle quattro maggiori compagnie aeree, tra l’80 e l’85% della forza lavoro è sindacalizzata. I vettori di avvio in genere affermano che si aspettano di evitare l’organizzazione sindacale per alcuni anni. AFA e ALPA hanno agito rapidamente, anche se è probabile che ci vorranno anni per assicurarsi un contratto con entrambi i vettori.

Nel caso di Avelo, l’elezione è avvenuta sei mesi dopo che il sindacato ha presentato istanza all’NMB. Nelson ha detto che le elezioni sono state ritardate prima perché i repubblicani del Senato hanno bloccato i candidati all’NMB del presidente Joseph Biden (oggi, il consiglio ha due membri nominati da Biden e uno dall’ex presidente Donald Trump), e poi a causa delle “frivole tattiche di ritardo presentate da Avelo”.

L’AFA ha presentato istanza di elezione il 21 ottobre 2021. L’elezione si è svolta a marzo. I risultati sono stati annunciati il ​​13 aprile. “Quando abbiamo presentato la domanda, c’erano 32 assistenti di volo e 30 carte firmate”, ha detto Nelson. “Ma Avelo è un posto davvero difficile in cui lavorare e l’attrito è stato straordinario. Durante le elezioni ci sono state paure e intimidazioni incredibili. Ci sono stati alcuni licenziamenti, ma per lo più gli assistenti di volo hanno scelto di andarsene”.

Avelo dice che il motivo del piccolo numero di voti è che l’NMB non ne consentirebbe di più. “Non abbiamo mai tentato di ritardare le elezioni”, ha detto il portavoce di Avelo Jim Olson. La compagnia aerea ha intentato una causa presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti a Washington, DC il 2 marzo, sostenendo che NMB ha impedito ad alcuni assistenti di volo di votare.

“Nonostante i nostri sforzi per dare un voto a ogni assistente di volo Avelo in queste elezioni, l’Associazione degli assistenti di volo ha combattuto con successo contro questo, il che ha portato solo 14 membri dell’equipaggio di bordo a poter votare”, ha affermato Olson. “Di conseguenza, gli otto assistenti di volo che hanno votato per la sindacalizzazione hanno forzato la rappresentanza dell’AFA su tutti i 77 assistenti di volo Avelo.

“Continuiamo a credere che la collaborazione diretta di Avelo sia il modo migliore per costruire una compagnia aerea che i nostri clienti amano volare e di cui i nostri membri dell’equipaggio sono orgogliosi di far parte”, ha affermato.

Nella causa, Avelo ha affermato che l’NMB ha ritenuto che la maggioranza degli assistenti di volo in un’unità di affare proposta non fosse idonea a votare.

Nelson ha stimato che il vettore ha pagato a Jones Day, uno studio legale anti-sindacato, diverse centinaia di migliaia di dollari. Ha detto che il CEO Andrew Levy ha detto ai lavoratori “Ci stiamo provando così tanto; siamo una piccola startup che non ha soldi extra per niente. Ha aggiunto: “Trovo incredibile che stiamo ricevendo tutte queste storie di singhiozzi dal CEO che sarebbe uscito e avrebbe speso tutti questi soldi per questi avvocati allo scopo di negare ai lavoratori il diritto di contrattare collettivamente”.

“È incredibile quando guardi Amazon e Starbucks, e usano esattamente le stesse tattiche”, ha detto Nelson.

Olson ha affermato che la stima di spesa era troppo alta, ma non ha fornito un numero, e ha ribadito: “L’obiettivo del nostro contenzioso (è) dare a tutti gli assistenti di volo Avelo l’opportunità di votare, qualcosa contro cui l’AFA ha combattuto con successo”.

Nel caso di Breeze, ALPA ha rifiutato di commentare. Un portavoce di Breeze ha dichiarato: “Breeze è a conoscenza della petizione presentata dalla Air Line Pilots Association che cerca di rappresentare i piloti Breeze in un sindacato. Riteniamo che coinvolgere una terza parte per avviare le trattative sindacali sarebbe un errore in un momento in cui Breeze sta appena decollando e con così tante opportunità davanti a sé per portare i nuovi voli non-stop della compagnia aerea ai clienti in tutto il paese”.

Il 20 aprile, Breeze ha annunciato che quest’anno avvierà otto nuove rotte dall’aeroporto di Westchester County. Le destinazioni includono LAX tutti i giorni a partire dal 7 settembre, Las Vegas tutti i giorni a partire dall’8 settembre e San Francisco tutti i giorni a partire dal 2 novembre. Il vettore aggiungerà anche Hartford a Las Vegas bisettimanale il 7 settembre e New Orleans-Savannah bisettimanale a partire dal 7 settembre 9 settembre.

Correzione: questa storia è stata aggiornata per correggere il numero di assistenti di volo e carte sindacali firmate. È stato anche aggiornato per correggere la stima pagata a Jones Day in diverse centinaia di migliaia di dollari.